Pascoli vietati sulle aree percorse dal fuoco, la denuncia del Wwf


Pascoli vietati sulle aree percorse dal fuoco. Lo dice la legge, ma siamo davvero sicuri che le regole vengano davvero rispettate? Un quesito posto dal Wwf di Terracina, a maggior ragione dopo le immagini che si sono trovati davanti gli ambientalisti. Mucche al pascolo, liberamente, nella zona di Camposoriano. Terreni devastati dagli incendi nei mesi passati.

Eppure la normativa parla chiaro: sono vietati il pascolo e la costruzione di manufatti per dieci anni e il cambio di destinazione d’uso per quindici anni. Questo per proteggere l’ambiente, in particolare per quanto riguarda il pascolo. Particolarmente dannoso su un’area stressata dagli incendi. «E invece salendo verso Camposoriano – scrive il Wwf – Intanto abbiamo verificato, ma come noi chiunque potrà farlo, che salendo verso Camposoriano è facile incontrare vacche per la strada. A guardare meglio se ne possono vedere alcune muoversi pigramente tra la vegetazione in via di sviluppo».

Stando alla denuncia del Wwf, qualcuno avrebbe addirittura recintato il fosso oltre il guardrail di legno con due fili non per bloccare l’ingresso, ma probabilmente per evitare l’uscita degli animali dal terreno bruciato. Ce n’è abbastanza perché le autorità competenti possano avviare gli opportuni accertamenti.

Share this post