Di Tommaso sfida Nostradamus


NOTA: Riceviamo e pubblichiamo. Il seguente articolo di satira NON è opera di nessun collaboratore del giornale. Abbiamo deciso di pubblicarlo fermamente convinti che ciascuno può esprimersi liberamente, il suddetto non contiene nulla di offensivo né di calunniatore, per queste ragioni abbiamo deciso altresì di rispettare il diritto alla privacy di colui che lo ha inviato. Siamo aperti ad altri articoli simili, la satira è il mezzo per misurare la democrazia.

Svelato il mistero che celava l’identità dell’inserzionista di “Terracina 2026”. L’autore infatti è il candidato sindaco (e profeta) Alessandro Di Tommaso, il quale prova, a quanto pare, ad imitare illustri predecessori come Nostradamus e, non ultimo, Casaleggio.

Il giovane politico è ancora all’inizio della sua carriera da profeta, stessa cosa non si può dire, invece, per la sua carriera politica che ha già alle spalle anni e anni di anzianità.

I cartelloni pubblicitari recitavano “Terracina 2026, stanno tutti bene”, augurando prosperità e felicità, e diciamo, fin qui, come profeta, non si è impegnato molto. Tutti si augurano il bene, per fortuna. Dovrà impegnarsi di più se vorrà ottenere lo stesso successo dei suoi eminenti colleghi, magari profetizzando l’apertura di una piscina a Terracina, oppure la creazione di una pista ciclabile che copra tutto il territorio comunale. Utopie.

Di previsioni più assurde, come quelle appena citate, se ne possono trovare a bizzeffe. Una su tutte “quando sindaco sarà, il treno tornerà”.

Se si realizzerà anche questa, la sua elevazione nell’Olimpo dei profeti sarà assicurata. In realtà ci sarebbe una profezia, che non ha autore, ma che si è concretizzata. Questa prevedeva la scomparsa, entro un anno dalla nomina di segretario di Renzi, del simbolo del PD “le primarie”. Attualmente non si ha più traccia di questo strumento di democratizzazione della politica, se ne sono perse le tracce anche qui, a Terracina, dove il PD locale, appunto, senza alcune primarie ha deciso che Di Tommaso doveva essere il candidato sindaco.

Ma in fondo, anche questa era una profezia che tutti già conoscevamo, e che si è concretizzata.

Share this post