“LE IPOCRISIE DELL’EX ASSESSORE ROBERTA TINTARI SUL CENTRO SOCIALE”


L’ex consigliere comunale Vittorio Marzullo interviene sul centro sociale.   “Sembra di assistere al gioco delle tre scimmiette pensando che gli altri siano deficienti – afferma Marzullo – La Tintari, nel suo comunicato stampa, dimentica di dire che il problema delle dimissioni e quindi delle sostituzioni dei dimissionari del centro sociale “Gli Anziani” era un problema che esisteva già quando lei era Assessore ai Servizi Sociali, quindi in tale veste ha la responsabilità di aver creato quegli eventuali disagi di gestione riportati sia dalla lettera dell’Amici che dal Commissario Ocello, per non aver provveduto a portare in Giunta la presa d’atto dei primi dei non eletti, invece lei fa la vaga, come se cadesse dal pero e stesse conoscendo il mondo solo in questo momento.
E che dice del fatto che il C d A dell’Azienda Speciale ha approvato in una seduta il commissariamento senza rispettare le procedure di trasparenza a cui è dovuto?
E che dire che i tre membri del C d A sono rappresentanti della maggioranza amministrativa cacciata e di cui lei era tra i massimi esponenti? ( Zappone , U D C – Schininà F.lli d’Italie e Pasquariello, Sciscione) . A chi rispondono a me o a loro che li hanno nominati? Per non parlare del fatto che tra questi qualcuno sarà candidato con il suo stesso schieramento.
E di tutte le violazioni compiute dalla Ocello nel produrre lo scioglimento del centro e del suo commissariamento? E che dire della contraddittorietà di questo provvedimento? O si scioglie il centro sociale o si commissaria, altrimenti, una volta sciolto, si sta commissariando una cosa che non esiste.
Chiede la poverina : “ Si facciano subito le elezioni, ed ecco che si capisce il fine di tutto quanto sta avvenendo. L’attuale struttura, anche se con una parte dei componenti surrogata, non risponde a nessuna logica partitica, quindi mancano quattro mesi al voto, entro tre mesi si va al rinnovo degli organi di gestione, questo recita la delibera commissariale, e quindi l’ultimo mese prima del voto si conta di avere una struttura con degli organismi dirigenti che rispondono partiticamente alla vecchia amministrazione ed al Partito Democratico, partito di appartenenza della Direttrice dell’Azienda Speciale, nonché Sindaco di Roccagorga del medesimo partito e nonché, ancora, capo corrente nello stesso partito del Candidato Sindaco di Terracina Alessandro Di Tommaso.
E’ emblematico il silenzio di un partito di sinistra, come si definisce il P D che di fronte a tale allucinante modo di fare non dice una parola ne a favore ne contro, un’altra scimmietta, la terza chi è, beh non c’è bisogno di scriverne il nome, rischio querela.

La cosa allucinante di questa vicenda è che non si è esitato, per una manciata di voti, se andrà come pensano loro, ma ne dubito, visto il comunicato a firma della Presidente del centro sociale, a gettare fango su quelle persone, e non vanno considerati solo quelli che sono in carica, ma anche tutti quei volontari e volontarie che tutti i giorni sudavano, senza nulla in cambio, le proverbiali sette camice, per dare un punto di riferimento a centinaia di anziani, il tutto di fronte ad un menefreghismo spaventoso di chi ogni mese percepisce migliaia di Euro dei contribuenti terracinesi proprio per assistere e curare certe situazioni.
Calcoli lucidi e deliranti, per una lotta di potere a vantaggio di pochi a scapito dei tanti, soli e bisognosi di socializzare.
Ripeto, tutto questo becero disegno non deve andare in porto, giusto il ricorso al T A R per far saltare il banco, giusta anche la valutazione di salvaguardare della dignità delle persone offese una volta che si sono visti i documenti scritti dal C d A dell’Azienda Speciale, dal Padrone dei servizi sociali a Terracina da ben 13 anni e della medesima Ocello, che per assecondare una parte della politica non ha esitato a fare un provvedimento pieno zeppo di lacune e sul quale interverrò con un altro comunicato in maniera più specifica.
Tanto cinismo ed accanimento non deve portare nessun vantaggio a chi ha tramato di nascosto tutto questo. Motivo per cui faccio appello, alla cittadinanza di non votare i due candidati a Sindaco della città Nicola Procaccini ed Alessandro Di Tommaso.

Share this post