Angelo Scirocchi e Ersilia Traversa candidati con la lista Corradini sindaco, un impegno comune per il sociale e le fasce deboli della popolazione


Angelo Bruno Scirocchi è alla sua seconda candidatura come consigliere, nel 2011 si è presentato con la Lista civica Sciscione entrando in Consiglio comunale in seconda battuta. “Sono amareggiato – spiega – dall’esperienza politica che ho avuto con Nicola Procaccini e Gianfranco Sciscione. Io vedo la politica in modo diverso, penso che sia attenzione per il sociale, per le famiglie in difficoltà, per chi non lavora, invece ho visto altro. Quando c’è stata la possibilità di mandare a casa la precedente amministrazione io sono stato favorevole”.

Adesso Scirocchi si presenta con la lista civica Corradini sindaco: “Ho scelto di sostenere Gianluca, una persona che sa cosa vuol dire lavorare, ha una sua azienda ed è concreto. E’ un candidato sindaco che si mette a disposizione della gente e che mantiene le promesse”.

Tra gli impegni di Scirocchi quello per la rivalutazione del centro storico: “Sono terracinese verace, la mia famiglia vive qui dal XIV secolo e risiedo nel centro storico. Non è possibile vederlo abbandonato, bisogna rivitalizzarlo e valorizzare i nostri beni archeologici che non hanno nulla da invidiare a quelli di Roma. Bisogna riportare le attività in centro, creare iniziative, fiere, manifestazioni. Si deve pensare ad un piano pluriennale per lo sviluppo del centro storico che preveda anche l’accesso ai fondi europei per creare infrastrutture in modo che possa essere vissuto al meglio da residenti e turisti”.

Una tematica cara a Scirocchi è anche quella dei servizi sociali “sono stato infermiere fino a due anni fa e so cosa vuol dire pensare agli altri. In questo momento di crisi bisogna prestare maggiore attenzione alle fasce più deboli della popolazione che spesso si negano cure e trattamenti medici perché non hanno la disponibilità economica. Dobbiamo potenziare l’Azienda Speciale e correggerla, si deve ripensare completamente l’assistenza domiciliare fondamentale per le famiglie in difficoltà”.

La tematica dei servizi sociali e dell’attenzione alle persone disagiate è anche al centro dell’impegno di Ersilia Traversa, alla sua prima esperienza in politica. 44 anni, infermiera e madre di due figli, ha scelto di impegnarsi per la città per aiutare le persone così come ha sempre fatto nel suo lavoro. “Un Comune che vuole essere veramente al servizio del cittadino non può trascurare le fasce deboli della popolazione ma deve dare un’attenzione particolare ad anziani e disabili che hanno bisogno di essere accuditi con una seria assistenza domiciliare. Compito dell’amministrazione è anche garantire una vita dignitosa alle tante persone che soffrono”.

Share this post