8 marzo, festa internazionale della donna


A cura di Filippo Di Girolamo

In tutto il mondo, l’8 marzo si celebra  la ‘Giornata internazionale della donna’. Ricorrenza con la quale si ricordano le conquiste passate e si rivendicano ulteriori diritti e pari opportunità. Ma perché è stato scelto proprio l’8 marzo? Una leggenda (ormai sfatata)  narra che la data fosse stata scelta per commemorare le centinaia di donne morte durante un incendio scoppiato in una fabbrica di camicie, a New York, l’8 marzo del 1908. Le origini della festa sono però diverse. La Giornata della Donna cominciò a essere festeggiata all’inizio del XX secolo e, ogni nazione, aveva fissato una sua data. Allo scoppio della Prima Guerra Mondiale le celebrazioni furono interrotte un po’ ovunque,  fino al 1917 quando l’8 marzo, a San Pietroburgo, le donne guidarono una grande manifestazione che rivendicava la fine della guerra e che determinò anche l’inizio della Rivoluzione Russa di febbraio (che portò al crollo dello zarismo). Finalmente, il 14 giugno, la Seconda Conferenza Internazionale delle donne comuniste che si tenne a Mosca, fissò all’8 marzo la Giornata Internazionale dell’Operaia. In Italia, la Giornata della Donna, si festeggiò per la prima volta nel 1922 per opera del Partito Comunista,.  per essere poi ufficializzata nel 1946 quando venne introdotta anche la mimosa (bellissima ed umile pianta che è in fiore proprio in quel periodo)  e  come simbolo delle celebrazioni. Infine, nel 1977, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite stabilì ufficialmente che l’8 marzo fosse istituita, nel mondo, la giornata dedicata ai diritti della donna. E credo sia  giusto continuare a celebrarla per quello che essa realmente. IL mio augurio è che tutti gli uomini celebrino sempre le donne delle propria vita.
A tal proposito  mi piace pensare un breve elenco di libri da regalare e condividere con la propria donna l’8 Marzo!
Martin Eden, di Jack London: ovvero quando  l’amore per una donna spinge l’uomo oltre i propri limiti. Da regalare alla propria amata. Posto consigliato per la lettura: gli scogli dietro Bonifacio.
Alice nel paese delle meraviglie di Lewis Carroll: una favola immortale senza età , quando la curiosità è femmina. Da regalare alla propria figlia, o nipotina. Posto consigliato per la lettura: I pozzi a Campo Soriano
La storia di Elsa Morante: per ricordare le nostre radici, cosa eravamo settanta ann i fa, o giù di lì. Da regalare alla propria nonna,  o mamma. Posto consigliato per la lettura: Piazza Domitilla
Mettiamoci a cucinare di Benedetta Parodi: ricette semplici per tutti i giorni.  Da regalare alla propria suocera che ogni domenica vi invita pazientemente a pranzo a casa. Posto consigliato per la lettura: la casa della suocera, con la suocera!

Share this post