Massimo D’Agostini: “I nostri parchi purtroppo abbandonati”


“Ci sono giorni che con il bel tempo e passeggiando per la nostra splendida città, ti vengono idee, come non mai in questo periodo in cui la mia attività politica mi porta ad essere in un mondo di faciloni e praticoni, a promettere futuristici posti di lavoro più di quanto effettivamente potrebbero esserci”. Massimo D’Agostini, candidato al consiglio comunale nelle file della coalizione guidata da Gianluca Corradini, parla dei parchi e quindi di “una parte importante della nostra società. I bambini, le mamme, i papà e i nonni – continua – non possono usufruire a pieno dei i nostri parchi bellissimi dal punto di vista strategico. Per non so quale politica sociale che non si riesce a tenere in ordine queste meraviglie che per un bambino ed i propri genitori fanno passare dei momenti belli.
Io credo che bisognerebbe rivedere il modo di gestire questi parchi, ad esempio darli in affidamento sia manutentivo che di controllo e da qui potrebbero nascere nuovi opportunità di lavoro e figure professionali, i quali potrebbero portare una gestione della cosa pubblica-privata per farla diventare esempio.
Basti pensare l’incuria di certi parchi dove per un seggiolino di un’altalena da sostituire sono circa 5 anni che non si sistema oppure il canestro presso il parco Bachelet la cui rete è rotta dai tempi dell’amministrazione Nardi.
In conclusione se incominciassimo con queste piccole cose attenendoci alle regole del buon vivere quotidiano con la gioia ed educazione educheremo bambini che saranno uomini forse migliori di noi. “Buon 2026”.

Share this post