Accessi al mare, rubate le pedane per disabili: «Gesto infame»


Rubate pedane per accesso al mare dei disabili su spiaggia libera comunale. Tintari e Percoco: “Gesto infame da parte personaggi vigliacchi e privi di qualunque sensibilità. Ne acquisteremo subito di nuove”. Sono stati rubati nella notte alcuni metri della passerella per disabili posizionata sull’arenile comunale in fase di allestimento all’altezza della Pro Infantia. “Un gesto infame ad opera di persone, se così si possono chiamare, vigliacche e prive di qualunque sensibilità”. Con queste parole il vice sindaco e assessore ai Servizi Sociali Roberta Tintari commenta il disdicevole episodio. “L’Azienda Speciale sta allestendo un arenile comunale attrezzato che consenta anche ai ragazzi disabili di raggiungere la riva del mare e fruire della spiaggia in maniera più agevole. La dotazione dell’arenile prevede una sedia da mare job e un’area coperta per ripararsi dal sole, mentre abbiamo provveduto a stipulare una convenzione con uno stabilimento adiacente per altri servizi. Ma evidentemente per qualcuno la solidarietà è un sentimento del tutto sconosciuto o indifferente e non ha voluto perdere occasione per mostrare a tutti la propria inciviltà”. L’assessore al Demanio Gianni Percoco aggiunge che “chi ha rubato queste pedane deve solo provare vergogna. Si tratta di personaggi che non sanno dove sia di casa la dignità. L’allestimento della spiaggia era in fase di ultimazione e si attendevano le ultime autorizzazioni. Questo episodio, purtroppo, causerà lo slittamento dell’apertura perchè l’Azienda dovrà provvedere all’acquisto di nuove pedane per la passerella, ma si cercherà di fare più in fretta possibile perchè non è giusto che chi ha già seri problemi patisca ulteriormente per l’indegnità di qualche miserabile che ha voluto sporcare l’immagine della nostra comunità”.  

Share this post