ADDIO, PRESIDENTE!


di Osvaldo Militi

Dal 5 maggio scorso il mondo dello sport è più povero. Si è spento a Terracina, tra le dolci attenzioni dei suoi cari, Egidio Pagliaroli.
Ha lottato fino alla fine – lo storico presidente dell’ASD Podistica Terracina – e lo ha fatto alla sua maniera: a testa alta, con serenità e senza alcun timore dell’avversario… che questa volta era il più terribile.
Lui, che in tanti anni di attività agonistica difficilmente ha perso una volata, nulla ha potuto contro il male che lo tormentava. Gli è stato di conforto l’immenso amore dei suoi familiari e il sincero affetto dei suoi amici; di grande aiuto l’ironia, la dignità e la forza su cui, nonostante le avversità della vita, ha sempre potuto contare; di consolazione il desiderio di ricongiungersi alla cara figlia Daniela.
64 anni spesi per la famiglia, con un’unica piacevole distrazione: lo sport. Inizia presto e subito si distingue nel calcio, dove costruisce le sue basi atletiche. Con la maturità scopre il podismo e vi si dedica con una passione autentica, fortissima, mai più venuta meno. Diventa in breve punto di riferimento, armonia e aggregazione del podismo terracinese, nel cui ambiente ricopre vari incarichi dirigenziali. Assume, all’inizio del terzo millennio, la carica di presidente dell’A.S.D. Podistica Terracina, reggendone le redini per quasi 20 anni. È stato questo un periodo d’oro per la storica società tirrenica: molti i titoli nazionali conquistati sotto la sua direzione; innumerevoli i successi individuali e collettivi; costanti le affermazioni delle “bestie” (come chiamava affettuosamente i suoi atleti) che seguiva dovunque, con cura e attenzione. Anche quando le forze erano ormai venute meno, nella serena consapevolezza di essere giunto alla fine, ha sempre trovato un momento da dedicare loro, incoraggiandoli in vista di un impegno o complimentandosi per un risultato raggiunto.
Uomo di grande sostanza e di specchiata onestà, è stato un traino straordinario per l’atletica terracinese, che ha fatto costantemente crescere, grazie anche a un’instancabile azione di promozione e reclutamento. La sua moralità gli ha sempre impedito di deviare dalla strada maestra della correttezza e della coerenza, nel cui segno ha costruito quella realtà sportiva di massa che, ormai, è diventata patrimonio comune della nostra città.
In prima fila anche nel sociale, attraverso il semplice strumento dello sport, ha contribuito a promuovere i valori dell’altruismo e della solidarietà, sostenendo tante iniziative benefiche, sia nella dimensione pubblica del suo incarico che nella discrezione della sua vita privata.
La grandezza del tuo animo, la forza delle tue idee e l’apertura della tua mente – carissimo Egidio – rimarranno per noi come esempio, anche se sarà dura farne a meno!
Ci mancherai, Presidente, in modo continuo e devastante, così come ci mancherà l’immagine del tuo sorriso. La vita non è stata tenera con te, però ha concesso a noi il privilegio, unico e irripetibile, di conoscere una persona davvero speciale!
I meravigliosi ricordi che ci hai lasciato sono carezze preziose… ma non basteranno a lenire il dolore della tua mancanza!

Share this post