Aiuti per le imprese colpite dal maltempo, il sì della Regione


Aiuti per le imprese colpite dagli eventi calamitosi dello scorso fine ottobre. Lo sostiene il consigliere regionale di Forza Italia Giuseppe Simeone. «E’ stato approvato in Consiglio regionale l’ordine del giorno da me presentato, con la richiesta di benefici contributivi e creditizi a favore delle aziende agricole e turistiche, con particolare riferimento alle zone comprese fra i Comuni di Terracina, Fondi e Sperlonga. Si tratta di un sostegno che ha come finalità principale quella di far ripartire la produzione in quest’area della provincia di Latina sono infatti numerose le imprese che hanno bisogno di aiuti urgenti. Occorre ridare ossigeno all’economia locale pesantemente penalizzata dagli eventi meteorologici di straordinaria intensità avvenuti pochi mesi fa. In particolare il comparto agroalimentare rappresenta il principale traino e necessita di interventi mirati di sostegno per far ripartire produttività e competitività dell’intero sistema. Al tempo stesso non vanno però dimenticati gli ingenti danni subiti anche dal settore turistico, altrettanto strategico per il comprensorio. Dobbiamo purtroppo constatare che a distanza di oltre 2 mesi si registrano gravi e diffuse situazioni di emergenza, connesse con le criticità non frontegiabili attraverso mezzi ordinari. Lo stanziamento pari a 3 milioni di euro da parte del Governo, d’altronde, non garantisce una copertura sufficiente, alla luce della vastità delle zone colpite. Nello specifico diventa prioritario il contenimento della crisi economica ed occupazionale, attraverso l’attivazione di misure concrete per contrastare gli effetti del disastro sulle imprese e le famiglie. Ritengo imprescindibile ascoltare il parere del mondo produttivo sullo stato di emergenza ed in questa chiave dovranno essere convocate le associazioni di categoria dell’intero territorio. Lo stato di sofferenza delle imprese economiche rende indispensabile procedere alla definizione delle risorse destinabili agli interventi compensativi facenti carico al bilancio regionale».

Share this post