Alloggio Erp occupato abusivamente, scatta il blitz di polizia e vigili urbani


È accusato di aver occupato un alloggio di edilizia residenziale pubblica. Non solo, avrebbe pure avviato lavori di ristrutturazione. Ovviamente senza alcuna autorizzazione. Nei guai è finito un 27enne già noto alle forze dell’ordine. Lo hanno scoperto gli agenti del commissariato di polizia di Terracina, intervenuti insieme agli agenti della polizia locale su richiesta del Comune.

Durante le fasi di riacquisizione dell’immobile, con contestuale messa in sicurezza dello stesso, gli investigatori hanno notato alcune anomalie. Tra queste, l’assenza del misuratore dei consumi di energia elettrica. Eppure gli stessi operatori avevano constato la presenza di erogazione della fornitura. Come era possibile? Da ulteriori accertamenti è venuto fuori, grazie alla collaborazione del personale Enel, che era stato realizzato un allaccio abusivo alla rete pubblica. Il tutto, manco a dirlo, senza alcun tipo di cautela per la sicurezza pubblica e per le abitazioni vicine.

Non è finita qui perché polizia e vigili urbani hanno anche scoperto, insieme ad Acqualatina, che il contatore dell’acqua figurava disdettato ma poi abusivamente riattivato. Concluse le operazioni, l’immobile è stato riacquisito al patrimonio comunale mentre il soggetto che lo occupava dovrà rispondere di invasione di edifici, deturpamento di cose altrui, danneggiamento, furto aggravato di energia elettrica e di fornitura idrica.

Share this post