Alternanza scuola-lavoro, successo per il convegno in Comune


Lo scorso giovedì 4 ottobre si è svolto un interessante convegno sull’Alternanza Scuola-Lavoro presso l’Aula Consiliare del Comune di Terracina. Presieduto dall’assessore alle Politiche del Lavoro della città tirrenica Danilo Zomparelli e organizzato dalla locale Casa dell’Impresa e del Lavoro, l’incontro ha visto la partecipazione, in qualità di relatori, di Roberto Tropea, rappresentante dell’Anpal Servizi – Divisione Transizione Scuola-Lavoro-Lazio, Sandra Verducci, referente camerale per l’Alternanza Scuola-Lavoro, Michele Torre, responsabile Desk Europa di Assocamerestero, Giancarlo Proietto dell’Ente Nazionale Microcredito. Alla presenza di alcuni studenti e insegnanti degli Istituti Superiori “Filosi” e “Leonardo Da Vinci” di Terracina, sono stati illustrati i percorsi e le finalità dell’Alternanza Scuola-Lavoro, uno strumento che, se ben applicato, rappresenta un efficace metodo per la diretta conoscenza del mondo del lavoro da parte dei giovani e un canale privilegiato per orientarsi e quindi accedere ad un futuro professionale. Tutti i relatori, illustrando i meccanismi di funzionamento di questa soluzione didattica innovativa, hanno posto l’accento sull’utilità dell’esperienza formativa e sulla fondamentale capacità di orientamento di uno strumento che può rivelarsi realmente prezioso. Sono stati presentati una serie di dati di assoluto interesse che hanno rivelato aspetti dirimenti rispetto alle scelte che ogni giovane e la sua famiglia si trova ad affrontare in sede di scelta del percorso formativo e della futura professione. Alcuni elementi hanno particolarmente colpito la platea come la constatazione che attualmente, nel momento in cui un bambino inizia la sua carriera scolastica nella scuola primaria, di lì a dieci anni, quindi quando sarà sedicenne, due terzi delle professioni conosciute saranno scomparse e sostituite da nuove. Altro aspetto meritevole di attenzione, è l’opportunità di svolgere il programma anche all’estero, soluzione che amplia gli orizzonti professionali e comprende l’occasione di apprendere una lingua secondo il suo quotidiano utilizzo e non solo per mezzo dello studio scolastico. Illustrate anche le opportunità offerte dall’autoimprenditorialità attraverso lo strumento del  microcredito e le modalità di accesso. L’assessore Zomparelli, al termine dell’incontro, ha voluto sottolineare che “si è trattato di un’iniziativa importante e senza dubbio utile. Oltre alla qualità dei relatori, che ringrazio per la grande disponibilità, ho accolto con piacere la partecipazione delle scuole e di alcuni operatori economici che hanno dimostrato apprezzamento e raccontato esperienze positive. Il lavoro deve essere in cima all’agenda politica e sociale della nostra nazione. Su di esso ci si gioca il presente e l’avvenire. Terracina sta puntando molto sul binomio turismo-cultura e continua a contare sulle attività tradizionali imprescindibili come agricoltura e pesca. Anche il settore del commercio e del terziario sono in movimento, ma oltre alla creazione di opportunità occupazionali, è importante far conoscere ai giovani tutte le possibilità e agevolare l’accesso al mercato del lavoro. Ringrazio anche la Casa e dell’Impresa e del Lavoro per l’ottimo lavoro che sta svolgendo, riconosciuto anche dagli operatori economici. Siamo disponibili ad organizzare nuove occasioni di incontro come questa e, soprattutto, a raccogliere suggerimenti da parte di imprenditori e aspiranti lavoratori”.

Share this post