Ambiente, il bilancio delle attività svolte dal Forum di Agenda 21


panorama Terracina

Il Forum di Agenda 21 Locale, con nota prot. n. 02022020, del 02/02/2020, ha trasmesso al Comune di Terracina i consuntivi richiamati in oggetto, la cui sintesi è riportata nel presente comunicato, con riferimento particolare al biennio 2018-2019, in relazione alla naturale scadenza e rinnovo degli organi sociali.

I numeri

Nel corso del biennio 2018-2019, a seguito dell’attività svolta:

  • sono stati realizzati, in quanto “processi partecipati”, n. 132 riunioni e incontri istituzionali (pari a 5,5 incontri al mese);
  • sono stati elaborati, presentati e consegnati al protocollo comunale, oltre che pubblicati sul sito web e sulla pagina Facebook di A21L, e inviati alla stampa, n. 75 documenti (pari a 3 documenti al mese).

I risultati

Nel corso del biennio 2018-2019, a seguito delle richieste avanzate e delle proposte presentate dal Forum di A21L all’Amministrazione Comunale, sono stati approvati n. 57 provvedimenti amministrativi (di cui n. 22 Deliberazioni di Consiglio Comunale, n. 24 Deliberazioni di Giunta Comunale e n. 11 atti amministrativi vari), pari al 75% del totale, mentre rimangono ancora da approvare n. 16 provvedimenti, pari al 25% del totale.

Di tali provvedimenti, inoltre, n. 37 tra Deliberazioni e Determinazioni, pari a circa il 65% del totale approvato, sono stati attuati, mentre n. 22 atti amministrativi, pari a circa il 35% del totale, attendono ancora di essere attuati (di questi ultimi, n. 10 provvedimenti sono in corso di attuazione e n. 12 provvedimenti non sono ancora stati avviati al procedimento).

Vanno inoltre ricordati i risultati riguardanti la gestione del sito internet di A21L, ricavati da Google Analytics, per il biennio 2018-2019:

  • Il numero dei visitatori è stato di 285 utenti.
  • Il numero di visualizzazioni è stato di 075 pagine, per una durata media per ogni visita di 1,36 minuti a visita.
  • Sul totale delle visite l’89,5% sono state nuove visite, mentre la restante percentuale è formata da visitatori tornati sul sito.
  • Tra le pagine più visualizzate spiccano la sezione dedicata all’attività del Forum di A21L, la sezione dedicata alla struttura organizzativa del Forum e quella dedicata alla storia di Agenda 21.
  • La nazionalità dei visitatori è per la massima parte italiana (pari al 65%), mentre il resto appartiene ad altre nazioni europee ed extraeuropee (Francia, Stati Uniti, Canada, etc).

Vanno infine ricordati i risultati riguardanti le nuove iscrizioni al Forum di Agenda 21

Locale: nel biennio 2018-2019 abbiamo avuto n. 19 nuovi iscritti, passando da 239 a 257 iscritti registrati, con un incremento pari all’8,9%, confermando, ancora una volta, la progressiva tendenza di crescita avuta negli ultimi sei anni (+76 nuovi iscritti, passando dai 182 del 2013 ai 257 del 2019, con aumento pari al 42%).

Va da ultimo ricordato che è stata accolta la richiesta del Forum di Agenda 21 Locale di adesione ai Contratti di Fiume Cavata-Linea Pio, Amaseno ed Ufente (avvenuta nel 2018 e nel 2019), che segue l’adesione del Forum di Agenda 21 Locale all’ASVIS – Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (avvenuta nel 2017), in aggiunta all’inserimento del Forum di Agenda 21 Locale nel Coordinamento Nazionale delle Agende 21 Locali (ottenuto nel 2013).

In conclusione, il consuntivo del biennio 2018-2019 sulle attività del Forum di Agenda 21 Locale risulta migliorato rispetto al biennio precedente (in termini di iniziative avviate, di processi partecipati realizzati e di risultati ottenuti), grazie anche all’apporto degli organi sociali del Forum (Assemblea, Segreteria, Tavoli Tematici) e della buona collaborazione con le istituzioni e gli organismi cittadini (l’Ente Comunale, le Scuole, gli enti culturali e le categorie produttive, i portatori d’interesse in genere, etc.), prospettando un quadro generalmente positivo:

  1. Il Piano di Azione Ambientale del Comune di Terracina e la sua attuazione programmatica avanzano ulteriormente nella loro strategia generale e nei loro obiettivi particolari.
  2. Il processo di Agenda 21 Locale, nelle sue direttrici fondamentali (ambientale, sociale, economica e istituzionale), progredisce in modo continuo e sistematico.
  3. Lo sviluppo sostenibile della città e del territorio ha conquistato nuovi risultati e più efficaci strumenti di gestione e sta procedendo con indirizzi ed azioni più sicuri e riconoscibili verso una maggiore qualità della vita dei cittadini.
  4. L’educazione, l’informazione e la comunicazione ambientale, accanto alla formazione ambientale, connessi al processo di Agenda 21 per lo sviluppo sostenibile della città e del territorio, costituiscono ormai un riferimento permanente per le istituzioni amministrative e per quelle scolastiche, per gli organismi culturali e di categoria, per le imprese e i portatori d’interesse in genere, per gli organi di stampa e per il mondo dei social media.
  5. “Terracina Città Sostenibile Europea” ha compiuto un ulteriore passo avanti verso il suo importante traguardo, sancito nel 2003 con l’adesione alla “Carta di Aalborg”.

Tuttavia, molto ancora resta da fare. Occorre continuare a perseguire, con il massimo impegno possibile, gli obiettivi di sviluppo  sostenibile aggiornati e sottoscritti nel 2016 da tutti i governi del mondo con l’Agenda ONU 2030, al fine di riorientare, nel decennio che si è appena aperto, quel modello di sviluppo che si è rivelato insostenibile sul piano ambientale, economico e sociale.

Va ricordato, infatti, che a partire proprio dal 2016 non soltanto è stato istituito il Sistema Nazionale per la Protezione dell’Ambiente e per il sostegno alle Politiche di Sostenibilità e di Prevenzione Sanitaria attraverso la Legge Nazionale n. 132 del 28.06.2018, ma anche la stessa Legge di Bilancio dello Stato dovrà essere esaminata con i parametri del BES (Benessere Equo e Sostenibile): un insieme di indicatori che valutano il progresso della società anche dal punto di vista ambientale e sociale, oltre che economico.

Pertanto, l’Agenda 2030 dell’ONU per lo Sviluppo Sostenibile non sarà e non potrà essere soltanto materia del governo centrale, ma anche dei governi locali, oltre che delle imprese e della società civile, secondo una strategia di sostenibilità che deve trovare il suo primo riferimento nelle politiche di bilancio (“Bilancio di Sostenibilità”, “Bilancio Partecipativo”, “Bilancio del Consumo di Suolo”, etc.) e nelle rinnovate e fondamentali Politiche di Piano.

Politiche che incidano direttamente sulla vita dei cittadini in tema di sostenibilità energetica, economia circolare, ambiente e biodiversità, cambiamenti climatici, consumo di suolo, partecipazione attiva dei cittadini alla cosa pubblica, al fine di garantire, nel rispetto di quel principio recentemente inserito nello Statuto del Comune di Terracina (art. 4, comma 4, lettera a): “Il Comune finalizza la propria azione al superamento degli squilibri culturali, ambientali, sociali ed economici della propria comunità, promuovendo le condizioni di uno sviluppo sostenibile, anche nell’interesse delle generazioni future”), uno sviluppo ed una crescita sostenibile del nostro territorio nel quadro nazionale ed internazionale degli impegni recentemente assunti con il cosiddetto “Green New Deal”, cioè il “Patto Verde” per l’Italia (il “Decreto Clima” approvato dal Governo nell’ottobre 2019 e, a seguire, la Legge di Bilancio con il Collegato ambientale, la Legge “Salvamare” e il “Cantiere Ambiente”) e, entro marzo 2020, la prima legge europea sul clima, presentata nel dicembre 2019 dalla presidente della Commissione Ursula von der Leyen al Parlamento Europeo per il raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda ONU 2030.

È questo, pertanto, l’impegno che attende il Forum di Agenda 21 Locale a partire dal prossimo biennio, riaffermando i principi e i valori che sostanziano la condivisione e la partecipazione al processo di sostenibilità dello sviluppo come primario interesse pubblico, rilanciando gli indirizzi strategici e le linee programmatiche dell’Agenda 21 Locale e i suoi obiettivi prioritari, rinnovando i suoi organi sociali e adeguando i suoi strumenti operativi e di organizzazione per continuare a garantire le azioni necessarie allo sviluppo sostenibile della città e del territorio.

Share this post