Appia day, per il quarto anno consecutivo eventi dedicati alla Regina viarum


Per il quarto anno consecutivo saranno oltre cento gli eventi organizzati da un vasto comitato organizzatore formato da Legambiente, Touring Club Italiano e CoopCulture grazie anche alla preziosa collaborazione di Comitato Mura Latine, Archeomitato e Moto Perpetuo, in collaborazione con il Parco archeologico dell’Appia Antica, il Parco Regionale dell’Appia Antica, la Sovrintendenza Capitolina ai beni Culturali, la Pontificia Commissione di Archeologia Sacra, con il patrocinio del Comune di Roma e della Regione Lazio. L’Appia Day unirà idealmente tante città e comunità locali per chiedere la pedonalizzazione della storica strada 365 giorni all’anno, per immaginare di poter considerare la Regina Viarum la porta d’accesso a una nuova idea di città che investe sul suo territorio, sulla sua cultura, sul suo paesaggio e si mostra più attenta ai cittadini, più moderna, più verde, più vivibile, più sana.

Il Circolo Legambiente Terracina è membro del Comitato Promotore Nazionale, ed è già stato autore negli ultimi tre anni di rassegne dedicate alla Via Appia, con una serie di eventi anche estivi, in collaborazione con CoopCulture, con ampio riscontro di pubblico, ed è fortemente impegnato nella rigenerazione dei cammini storici e archeologici, protagonista della rigenerazione e valorizzazione di siti come il “Parco del Montuno”, nell’Area Archeologica Porto Traianeo e della riapertura di siti archeologici importanti come “Appia Antica a Villa Salvini” mentre il Comune di Terracina e l’Ente Parco Regionale “Monti Ausoni e Lago di Fondi” sono tra le ormai decine di firmatari del Protocollo di Intesa Legambiente per APPIA DAY per la costituzione della rete APPIA NET, protocollo che è stato proposto dal nostro Circolo.

La rassegna “Terracina – La Regina della Via Appia” sarà cosi’ organizzata:

Sabato 11 maggio dalle 11 alle 13, per la  Conferenza stampa di presentazione nazionale Appia Day 2019, dove interverranno Daniela Porro, direttrice Parco Archeologico dell’Appia Antica, Alma Rossi, direttrice Parco Regionale dell’Appia Antica, Luca Bergamo, vice sindaco Comune di Roma, Alberto Fiorillo, comitato organizzatore Appia Day, Stefano Ciafani, presidente Legambiente, Giuseppe Roma, vice Presidente Touring Club, Giovanna Barni, Presidente Coopculture, Maria Vittoria Marini Clarelli,Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, Gianluigi Peduto, Presidente Parco Castelli romani, Giorgio De Marchis, Direttore Parco Monti Aurunci sarà presente, invitato dal Circolo Legambiente di Terracina, dal Comitato Promotore Nazionale e da Legambiente nazionale, il Dott. Francesco Di Mario, funzionario MIBAC e delegato di Zona della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Frosinone, Latina e Rieti, nonche’ Direttore del Comprensorio Archeologico del Circeo, e coordinatore di importanti campagne di scavo proprio a Terracina, il quale sta giocando con intuizione e grande preparazione archeologica, un ruolo strategico nella lunga serie di straordinari ritrovamenti archeologici sul territorio di Terracina in questi ultimi anni, e il quale illustrerà tutte le azioni in corso sul territorio di massima rilevanza per la valorizzazione della Via Appia.

“In qualita’ di delegato della Dott.ssa Paola Refice, Soprintendente Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Frosinone, Latina e Rieti,e come responsabile dal 2017 dei progetti della Via Appia sono davvero molto soddisfatto di poter rappresentare nel contesto della giornata nazionale APPIA DAY, il più importante programma di valorizzazione dell’Appia curato da Legambiente e con un efficiente Comitato Promotore, il lavoro che la Soprintendenza sta facendo con la mia direzione e progettazione lungo la via Appia con la gestione di finanziamenti importanti orientati alla riscoperta di tesori nascosti, come il “Teatro Romano di Terracina” sulla Via Appia, o le “Terme di Via Roma”- area distributore ENI sempre a Terracina o siti minori ma non meno importanti come il “Mausoleo di Gavio Nauta” a Fondi o gli “Archi di S. Lidano” a Sezze, ma anche gli importanti progetti di restauro e consolidamento di “Tres Tabernae” a Cisterna o della Via Appia tra Fondi e Itri, nella Gola di S. Andrea. Un lungo tratto a Sud di Roma dell’antica Regina Viarum che presenta siti archeologici spettacolari con azioni imponenti di scavi, consolidamento, restauri, opere per la fruizione e valorizzazione- dichiara il Dott. F. Di Mario, delegato della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Frosinone, Latina e Rieti”

Sempre Sabato 11 maggio ma a Terracina presso il Foro Emilianodalle 11 alle 12.30 si terrà un evento denominato “Marco Valerio Marziale e altri” con apertura straordinaria del sito archeologico – rievocazione di autori della letteratura latina e illustrazione delle caratteristiche di massima di manufatti romani, organizzato dal Liceo Leonardo da Vinci di Terracinasu proposta del Centro studi Francigeni di Fondi – Gruppo dei Dodici.

Perdomenica 12 maggioalle ore 11, in occasione della celebrazione del progetto nazionale di Legambiente, CoopCulture propone gratuitamente al pubblico di visitatori del Tempio di Giove Anxur la visita tematica “L’Appia dal Tempio. Narrazioni dall’alto della regina viarum”.Dal Tempio, straordinario gioiello dell’età antica, si ammirerà, la traiettoria della Via Appia da Piazza Palatina alla zona di Santo Stefano. La visita sarà completamente gratuita come nello spirito della giornata nazionale APPIA DAY per i possessori del biglietto di ingresso al sito fino ad esaurimento posti disponibili, con prenotazione consigliata al numero +39 0639967950.

Per domenica 12 maggioalle ore 10verrà organizzato a cura di Legambiente Terracina, un evento speciale APPIA DAY a Terracina ripercorrendo le tappe più rilevanti dell’eta’ imperiale a Terracina, centrata sulla figura dell’Imperatore Traiano, tutti collegati alla variante urbana della Via Francigena del Sud- Direttrice Via Appia già proposta dal Circolo Legambiente ovvero il Cammino della Via Appia di Traiano a Terracina. Il Cammino è infatti parte del più ampio progetto nazionale APPIA DAY-APPIA NET di Legambiente, già presentato in diversi contesti nazionali e internazionali, che ha riscosso un notevole interesse di pubblico negli anni scorsi e  che prevede un archeotour con partenza alle ore 10 dal Parco panoramico del Montuno con vista sull’Antico Porto Traianeo, parco che è proprio in carico al locale Circolo come valorizzazione ecoarcheologica, con visita all’Area Archeologica di Via Stella Polare (banchina Est-Ovest dell’Antico Porto Traianeo) e al Taglio traianeo del Pisco Montano per la Via Appia, una delle opere di ingegneria stradale più imponenti dell’ eta’ imperiale, per arrivare a Appia Antica a Villa Salvini, uno dei tratti in basolato originale meglio conservati dell’Appia dopo Roma, inserito in una Villa privata situata in un contesto storico-archeologico-naturalistico di grande pregio, solo recentemente riaperta grazie all’impegno Circolo Legambiente e che per la particolare rilevanza ha ricevuto anche il patrocinio gratuito della Regione Lazio – Visit Lazio.L’archeotour sarà completamente gratuito come nello spirito della giornata nazionale APPIA DAY, con prenotazione consigliata al numero +39 3491412199.

“Anche quest’anno siamo orgogliosi di presentare al vasto pubblico un insieme di eventi tutti gratuiti nello spirito della celebrazione della giornata nazionale Appia Day, a conferma della rilevanza che Terracina sta assumendo, anche grazie al lavoro della Soprintendenza, di Legambiente e di Coopculture, e al supporto delle Amministrazioni e degli Enti Parco, per la realizzazione del progetto Terracina: La Regina della Via Appia, progetto che è parte del programma APPIA NET e che dopo aver rigenerato e riaperto alla fruizione il “Cammino di Traiano” sulla variante dell’ Appia Traianea, troverà sicuramente il suo culmine con la riapertura del “Teatro Romano di Terracina sulla Via Appia”. Quest’anno poi con il patrocinio e la presenza attiva della Soprintendenza e con la preziosa presenza del Dott. Francesco Di Mario alla Conferenza di apertura di sabato 11 maggio, confermiamo la nostra volonta’ come Circolo Legambiente locale di costruire proprio con la Soprintendenza un rapporto duraturo per la valorizzazione dei beni archeologici, paesaggistici e monumentali, in linea con la vocazione che ci è stata riconosciuta sia dal Comune di Terracina che ha firmato con noi una Convenzione di valorizzazione ecoarcheologica per il Parco del Montuno, sia dal Parco degli Ausoni e del Lago di Fondi che ha firmato con noi un Protocollo di Intesa per la valorizzazione dei cammini del Parco – dichiara Anna Giannetti, Presidente del Circolo Legambiente di Terracina.

Share this post