Area archeologica sott’acqua, l’assessore Cerilli rassicura


Dopo le polemiche dei giorni scorsi sull’allagamento dell’area archeologica adiacente un supermercato sulla via Appia, nei pressi dell’incrocio con via dei Volsci, interviene l’assessore ai Beni culturali Barbara Cerilli.

L’assessore Barbara Cerilli

«Con riferimento alla vicenda dell’allagamento dell’area archeologica adiacente al supermercato desidero precisare che il terreno in cui insiste il sito è di proprietà della società che gestisce il supermercato. Suddetta società, dopo la scoperta dei ruderi archeologici avvenuta durante i lavori di costruzione della struttura commerciale, ha avuto dalla Soprintendenza la custodia dell’area che, allo stato attuale e secondo la legge, non afferisce al patrimonio pubblico. Come Amministrazione ci siamo comunque interessati alla vicenda relazionandoci con la proprietà dell’area e ci risulta che il fenomeno dell’allagamento sia riconducibile non alla rottura di condutture dell’acqua, bensì ad un guasto occorso a delle pompe idrovore (siamo nei pressi del canale) deputate ad impedire proprio situazioni come quella verificatasi. Registro con soddisfazione e sollievo che la società proprietaria si è attivata per porre rimedio ed ora la situazione è tornata, fortunatamente, alla normalità».

Share this post