Arrampicata tra i monumenti, Giuliani: «Pronta un’interrogazione»


Il consigliere comunale di Forza Italia Valentino Giuliani chiede spiegazioni sull’evento di arrampicata tra i monumenti del centro storico alto. L’iniziativa, che si è svolta domenica 6 maggio, ha visto la partecipazione di decine di persone, perlopiù giovani appassionati di questa disciplina. Ma il consigliere azzurro vuole vederci chiaro. E per questo ha già pronta un’interrogazione da presentare in aula.

Lo sfogo del consigliere di Forza Italia

«Quello che è accaduto domenica 6 maggio per le vie e i monumenti del nostro centro storico è inaccettabile» sbotta Giuliani. «Ho intenzione di presentare un’interrogazione all’assessore Barbara Cerilli e chiedere lumi alla soprintendenza. La responsabilità è di chi ha dato autorizzazioni tali da permettere che ci si arrampichi su edifici storici, da capire ovviamente questa autorizzazione da chi è stata data e del perché ne dovrà rispondere direttamente ai cittadini. Vero è che non siamo stati la prima città ad ospitare questo evento ma prima di farlo magari si potevano e dovevano individuare gli edifici utilizzabili a tale attività e quelli che invece non erano usufribuili a questo scopo, anche interpellando la sovrintendenza».

Tanti nodi da sciogliere: «Ora le spiegazioni»

Diverse le questioni poste da Giuliani. «Vi è stato un patrocinio del comune per tale evento? Inoltre ho un ulteriore domanda che porrò negli uffici competenti e farò di tutto per trovare il responsabile di un tale ‘’evento’’ che i tanti cittadini hanno vissuto con delusione e amarezza. Avrei, infine, una domanda per la fondazione dei beni culturali per capire il loro punto di vista e la loro visione su questa faccenda che surreale è dir poco».

Il commento dell’esponente di minoranza è amaro. «Ci aspettiamo e ci saremmo aspettati qualcosa di diverso per la promozione del nostro centro storico, tanto bello quanto unico e attrattivo. Non è questo che serve alla cittadinanza per vivere il centro storico nel weekend, non è vedere resti antichi e di epoca romana usati come parete da arrampicatori. Tutto questo movimento, che anche sui social è diventato virale è l’ennesima dimostrazione di come l’assessore alla cultura navighi a vista e manchi di una progettualità integrata».

Share this post