Associazione nazionale partigiani di Italia, tanti i terracinesi nell’archivio


Con immensa gioia, la sezione A.N.P.I. “25 aprile” di Terracina, rende noto che anche la nostra città ha dato un contributo attivo alla liberazione del nostro paese dalla dittatura fascista e dall’occupazione nazista.
«Sono più di 20 – si legge in una nota – i Partigiani e le Partigiane di Terracina e San Felice Circeo, decine quelli della nostra provincia! Le ricerche che stavamo effettuando, pur necessitando di ulteriori verifiche, ci avevano portato ad individuare sette nomi di probabili combattenti Partigiani.
Ora, grazie all’archivio digitale “I partigiani d’Italia” messo a disposizione dal Ministero per i beni culturali e consultabile al sito internet www.partigianiditalia.beniculturali.it, abbiamo finalmente scoperto che i Partigiani terracinesi sono stati in realtà molti di più. L’archivio contiene migliaia di documenti digitalizzati dello schedario delle Commissioni per il riconoscimento degli uomini e delle donne della Resistenza; Commissioni che hanno certificato l’appartenenza alle varie realtà della Resistenza in Italia. I dati non sono definitivi poiché i documenti di alcune Commissioni devono ancora essere digitalizzati. Questi “nostri” Partigiani sono un vanto per tutti noi e danno lustro e onore alla città. Chiederemo all’Amministrazione comunale di lavorare insieme per stabilire quali siano le modalità migliori per celebrare i nostri eroi, con cerimonie, intitolazioni e monumenti.
Dobbiamo a loro la nostra libertà ed è opportuno che la Città intera li festeggi nel migliore dei modi! Continueremo le nostre ricerche per ricostruire il più possibile e far conoscere le vite e le vicende di questi eroi.
Siamo aperti a chi volesse collaborare, a chi ritrova parenti e abbia testimonianze da mostrarci e condividere, ai ragazzi e ragazze che hanno voglia di coltivare ed esprimere le proprie idee di libertà. Costruiamo insieme una città moderna che si basi sui valori che ci hanno donato i nostri Partigiani e le nostre Partigiane».

Share this post