Azienda speciale, che caos


Bisogna far luce sull’Azienda speciale. Dopo aver analizzato la situazione secondo i Consiglieri Comunali Vittorio Marzullo, Pietro Palmacci, Vincenzo Coccia, Giuseppe D’Andrea, Alessandro Di Tommaso, Valentino Giuliani, Luciano Pecchia, Agostino Apolloni e Dario Venerelli apare evidente la sussistenza delle condizioni che giustificano di istituire una commissione speciale d’indagine sull’operato dell’Azienda Speciale.

I consiglieri comunali, preoccupati degli indirizzi politici e di gestione delle politiche sociali, da parte della maggioranza amministrativa, delle ricadute sugli utenti, come noto trattasi di diversamente abili, di emarginati, di soggetti deboli della società e così via, ed in particolare delle continue riduzioni dei trasferimenti all’Azienda Speciale Terracina, solo negli ultimi due anni si sono effettuate riduzioni dei trasferimenti per ben 500.000 Euro, appositamente costituita per erogare tali servizi, ma abbandonata a se stessa senza che vengano con puntualità e tempestività effettuati i controlli previsti dal contratto di servizio sulla qualità e la quantità dei servizi erogati alla cittadinanza, del mancato rispetto del contratto di servizio approvato dal Consiglio Comunale con apposita delibera, la 55 del 09-12-2013, laddove prevede di far recuperare con la gestione degli arenili e la gestione di parcheggi le somme venute meno a causa dei mancati trasferimenti.

Pietro Palmacci, consigliere comunale di Forza Italia

Pietro Palmacci, consigliere comunale di Forza Italia

Non vanno dimenticate, in questo senso, anche le affermazioni fatte dal Sindaco in occasione di un dibattito pubblico, laddove affermava che entro la fine dell’anno 2012, nonostante i tagli, si sarebbe iniziata a ripristinare l’assistenza domiciliare, cosa che ancora stiamo aspettando.

Non resta che registrare una serie di provvedimenti assunti dalla Giunta Comunale con apposite delibere che stanno di fatto affossando il bilancio dell’Azienda Speciale.

 Il Primo è quello relativo alla gestione e manutenzione dei cimiteri comunali

Con la delibera di Giunta n. 491 del 30 Dicembre 2013 si affida all’Azienda SpecialeTerracina il “servizio di manutenzione dei cimiteri comunali ed altri servizi connessi, quali:

Manutenzione ordinaria dei due cimiteri comunali di Terracina siti in Via Anxur (Cimitero principale) ed in località B.go Hermada Via Circondariale;

Pulizia giornaliera all’interno dei cimiteri e delle aree di accesso;

Assistenza sala autoptica e camera mortuaria;

Pulizia dei locali del cimitero e dei servizi igienici;

Apertura e chiusura al pubblico dei cimiteri nei giorni di Sabato e festivi;

Operazioni cimiteriali di tumulazione, traslazioni, estumulazione, inumazione, esumazioni, riduzione in resti ossei di salme mineralizzate, disposizioni resti ossario e bonifica loculi.

 

I compiti appena elencati e non previsti dal contratto di servizio, in quanto sono

previsti semplici attività di manutenzione sugli immobili in gestione dell’Azienda Speciale, si era tentato in precedenza di metterli a gara d’appalto con evidenza pubblica al costo di Euro 224.000 l’anno, da parte della Giunta, invece sono stati assegnati direttamente con delibera di Giunta all’Azienda Speciale, a soli 104.000 Euro l’anno.

Da informazioni in nostro possesso, probabilmente in difetto di numero, in conseguenza di tale conferimento l’Azienda Speciale ha assunto ulteriori quattro persone

Appare evidente anche ad un ragazzino che la somma erogata per tale servizio copre a mala pena il costo del personale assunto, per cui se l’Azienda Speciale dovrà gestire tale conferimento è destinata a rimetterci soldi suoi che, ovviamente, per far quadrare il bilancio sottrae dai soldi stanziati per i servizi previsti da statuto e da contratto di servizio.

Share this post