Benzinaio spacciatore


Benzinaio distribuiva droga più del carburante. È stato arrestato un pregiudicato di Priverno, che già in passato era finito nei guai per spaccio. A. Gismondi di 40 anni è stato sorpreso dalla Guardia di finanza con oltre un etto di cocaina. I proventi delle pompe di benzina e l’autolavaggio sulla Monte Lepini a quanto pare non erano sufficienti alla famiglia.

L’uomo aveva trovato il modo per “arrotondare” lo stipendio mensile con facili guadagni. Un vero e proprio supermarket della droga. L’operazione antidroga è stata condotta dalla Finanza di Terracina, coordinata dal comando provinciale di Latina. Il blitz è scattato sabato sera.

Il 40enne era in possesso di un quantitativo di droga che gli avrebbe permesso di ottenere circa 400 dosi di cocaina pronte per essere vendute per lo “sballo” del fine settimana. Da tempo le fiamme gialle terracinesi avevano messo gli occhi sui movimenti sospetti del pusher fino a quando, ormai certi di coglierla sul fatto, l’hanno fermato nei pressi della sua abitazione sottoponendolo ad un accurato controllo. Sono stati proprio i suoi movimenti equivoci nei pressi del magazzino accanto al suo appartamento di Priverno a destare sospetti agli uomini delle fiamme gialle. All’alt intimato dai finanzieri si è mostrato particolarmente nervoso ma non ha tentato di disfarsi della droga che aveva con sé. La successiva perquisizione domiciliare ha inoltre permesso di sequestrare l’alto quantitativo di cocaina (un etto diviso in tre confezioni) e tutto l’occorrente per il confezionamento delle dosi (bilancini di precisione e sostanza da taglio). Per Gismondi, che si è assunto tutte le colpe del caso, sono scattate le manette.

L’operazione delle Fiamme gialle costituisce un ulteriore duro colpo al traffico di droga nella provincia di Latina, attraverso il costante e capillare monitoraggio del territorio si è evitato il protrarsi dell’illecita attività in ambito locale.

 

Share this post