Biblioteca aperta tutto il giorno: si grida al miracolo.


Terracina – Quello che è accaduto venerdì scorso presso la biblioteca comunale di Terracina “A. Olivetti” ha dell’incredibile. Il 10 luglio 2015 è una data che tutti gli studenti della città devono segnarsi sui propri calendari, perché probabilmente ci vorranno altri decenni prima che possa accadere di nuovo.

La biblioteca venerdì, per la prima volta nella sua storia, è rimasta aperta tutto il giorno, non chiudendo per la solita pausa pranzo che dura solo 3 ore.
Sembrava una mattina come tante altre, i giovani terracinesi si sono recati di buonora presso la biblioteca con la sana intenzione di studiare, ma non troppo, così da riuscire a superare qualche esame della sessione estiva (sempre se la Madonna del Carmine ci fa il miracolo). I ragazzi, come solito arrivano, per le nove del mattino consapevoli che, grazie al geniale orario della biblioteca, la loro giornata di studio si sarebbe conclusa alle 13.30. Questo perché chiudendo all’ora di pranzo e riaprendo soltanto alle 16.00 (ora della merenda) fa perdere agli studenti ben tre ore di studio. Infatti mediamente uno studente sottoesame non impiega tre lunghissime ed infinite ore per mangiare, anzi al contrario molti studenti proprio per non perdere tutto questo tempo preferisco cibarsi di quello che capita o, per i più fortunati, riescono a convincere la mamma a farsi preparare un panino da rosicchiare tra una pagina e l’altro.

Ma per coloro che hanno deciso l’orario della biblioteca terracinese il pranzo è un rito sacro a cui si deve dedicare tutto il tempo che necessita, mangiando: antipasto, primo, secondo, contorto, frutta, dessert, sorbetto (ma solo per i più fortunati), caffè, ammazzacaffé, digestivo e per concludere lo stuzzicadenti per rimuovere l’ultimo pezzo di abbacchio rimasto incastrato tra il molare e il premolare (una lotta titanica che richiede almeno una ventina di minuti, buoni).

Questo comporta l’esodo dei studenti, alcuni dei quali, particolarmente in crisi, a vagare per tutto l’agro pontino alla ricerca di una biblioteca che non chiuda per tutto quel tempo. Molti di loro si rivolgono alla biblioteca di Latina che chiude soltanto per 30 minuti (saranno pazzi!), altri ancora esagerano andando a Roma dove, pensate un po’, le biblioteche non chiudono per la pausa pranzo, ma chi li capisce questi nordici.

Negli ignari ed inconsapevoli spettatori dell’evento aleggiava incredulità mista a commozione, alcuni di loro non hanno perso tempo e subito hanno cercato di immortalare l’evento scattandosi selfie nelle aule studio, altri hanno addirittura girato dei video per avere la possibilità, a mente fredda, di rivedere l’accaduto e comprendere realmente ciò che è accaduto. Per coloro che si fossero perso l’evento non disperate Paolo Fox, in collaborazione con la Nasa, ha annunciato che la prossima apertura full-time sarà nel 2089 in concomitanza con il passaggio della cometa di Halley.

– si tiene a precisare che quello scritto nell’articolo non corrisponde al vero, ma vuole solo far riflettere e magari strappare un sorriso  –

 

Share this post

Redazione

AnxurTime è la rivista della città di Terracina a distribuzione gratuita. Diamo importanza a Terracina attraverso i suoi veri protagonisti: i cittadini.