Smettere di fumare, si può


Dal tunnel del fumo si può uscire. Dal “vizio” del tabacco si può essere affrancati. Lo dimostrano i dati di un anno d’attività del Centro Anti-Fumo, un servizio istituito dal Distretto sanitario 4 presso il Ser.T. di via F.lli Bandiera.

Il Centro Anti-Fumo di Terracina funziona, eccome

Dei pazienti assistiti finora da una équipe apposita ben 15 hanno abbandonato la nicotina, mentre in 50 continuano attualmente il percorso “riabilitativo”. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha definito il fumo di tabacco come “la più grande minaccia per la salute nella Regione Europea”. Per un verso o l’altro è la causa nota o probabile di almeno 25 malattie. I dati sono agghiaccianti. «Nel mondo i morti sono 5,4 milioni l’anno, negli Stati dell’Unione Europea- testimonia la dott.ssa Maria Paola Giardino, dirigente del servizio per le dipendenze patologiche- risultano 650 mila, di cui in Italia 80 mila. Molto diffuso il tabagismo nelle nostre zone». L’incidenza più diretta è sulla salute, ma non sono meno serie le implicazioni di carattere sociale e socio-economico. E’ stato proprio partendo da questi presupposti negativi che il 7 febbraio 2013 ha segnato l’avvio di un tipo di intervento integrato, accreditato dalla Regione Lazio.

«Si tratta del 1° centro in Italia, che ha adottato un protocollo alternativo di carattere omeopatico per chi ha un’intolleranza ai farmaci della medicina tradizionale. In generale le medicine non bastano, se non ci si mette la testa. Il percorso non è facile, se non si hanno forti motivazioni interiori. Il primo test che viene realizzato- spiega il dott. Antonello Santucci, medico dirigente – tende proprio a misurare la volontà di smettere, poi c’è un esame che serve ad accertare il grado di dipendenza dal fumo. Per tanti, soprattutto individui di mezza età, fumare è diventata un’abitudine, una dipendenza. Sono molte le persone che hanno rinunciato ed hanno lasciato a metà strada, pur avendo avuto dei risultati pregevoli nel percorso terapeutico, che dura in media 3 mesi.».

Il Centro Anti-Fumo è operativo tutti i giovedì di pomeriggio, dalle 14,30 alle 17,30. Accattivante l’invito:”smettere di fumare, una questione che mi sta… a cuore”. L’’équipe multidisciplinare è composta dai medici referenti dott. Gaetano Padula e Antonello Santucci, dallo psicologo psicoterapeuta dott.ssa M. Paola Giardino, dall’assistente sociale dott.ssa Rosanna Manca, dall’infermiere dr. Marco Manicone. Info. 0773-708215 e 0773-708212 (dal lunedì al venerdì, dalle ore 9,00 alle ore 12,30)

Share this post