Un bus contro il caporalato, presentato il progetto di rete


È stato presentato il progetto che mette in rete Comuni, Regione Lazio, datori di lavoro e sigle sindacali con l’obiettivo di contrastare il fenomeno del caporalato in agricoltura e migliorare le condizioni di lavoro delle centinaia di braccianti stranieri che lavorano sul territorio dell’agro pontino. Terracina è il Comune capofila di questo programma di rete. Ecco allora il nuovo autobus che trasporterà a lavoro i braccianti, che solitamente invece si muovono in bicicletta o a piedi, molte volte correndo pericoli. Ovviamente tra gli obiettivi c’è anche quello di regolarizzare i rapporti di lavoro, visto che il servizio è indirizzato a chi lavora regolarmente sul territorio. 

Share this post