Canali esondati e altri danni, il Consorzio di bonifica: «Eventi eccezionali»


Eventi eccezionali, per cui non è facile fare prevenzione né comprendere la portata. Il Consorzio di bonifica dell’Agro pontino dice la sua sugli eventi calamitosi di questi ultimi giorni, affrontando la situazione che si è venuta a creare in tutta la pianura pontina con allagamenti e il tragico sprofondamento della Pontina. 

«L’evento meteorologico del 25 novembre 2018 si iscrive tra quelli eccezionali occorsi negli ultimi anni, come confermato dall’analisi delle registrazioni delle stazioni di monitoraggio esaminate dai tecnici del Consorzio dell’Agro pontino coadiuvati dal prof. Francesco Cioffi dell’Università “La Sapienza”. A seguito dell’allerta meteo della Protezione civile (codice arancione) erano state adottate tutte le misure finalizzate al contenimento dell’evento tra cui apertura delle paratoie per consentire il deflusso, esercizio degli impianti idrovori e sorveglianza dei canali. Il Consorzio di Bonifica dell’Agro Pontino ha attivato, nell’ultimo anno, una collaborazione con il Cersites, Centro di Ricerca e Servizi per l’Innovazione Tecnologica Sostenibile dell’Università “La Sapienza”, sede di Latina, per la realizzazione del sistema di monitoraggio del reticolo idrografico che era attivo durante l’evento del 25 novembre 2018. I dati sono stati integrati anche da quelli relativi alle stazioni di competenza della Regione Lazio (Arsial) già presenti sul territorio».

Cosa è emerso? Dalla loro analisi è emerso che sull’intera area interessata dai fenomeni di esondazione si sono verificate piogge di intensità variabile, dai 82,2 mm a 137,2 mm nell’arco di 24 ore, come confermato dalle registrazioni delle stazioni pluviometriche di Pontinia e Sabaudia. Inoltre, come evidenziato dalla stazione pluviometrica installata presso l’impianto idrovoro di Mazzocchio, si è verificato un picco eccezionale di precipitazione di 26 mm in un’ora, dalle ore 06:00 alle ore 07:00 del 25 novembre. «Tali precipitazioni – prosegue l’ente di bonifica – sono tra le massime mai registrate nella pianura pontina. Le condizioni di imbibizione del suolo prodotto dalle piogge verificatesi nei giorni precedenti l’evento estremo del 25 novembre hanno incrementato le acque di ruscellamento e le conseguenti portate di piena. In concomitanza delle forti piogge inoltre si è registrato un innalzamento del livello marino dovuto al vento di scirocco e all’alta marea che hanno ulteriormente aggravato le condizioni di deflusso dell’intera rete drenante, ostacolando il regolare deflusso verso il mare. A fronte dell’eccezionalità dell’evento i tecnici del Consorzio si sono prodigati effettuando tutte le manovre necessarie per contenere i fenomeni di allagamento coordinandosi, sotto la regia della Prefettura, con la Protezione Civile. In particolare, su richiesta della Prefettura, i tecnici sono intervenuti anche per contenere le tracimazioni del fiume Sisto benché non di propria competenza. Allo stato la situazione sta lentamente tornando alla normalità grazie al miglioramento delle condizioni meteomarine».

Share this post