Carbonizzata l’auto di un finanziere


Auto a fuoco: l'intervento del 115

Ancora un mezzo in fiamme a Terracina. L’incendio ha danneggiato una Ford Focus intorno alle 2.30. Dopo un breve periodo di pausa, l’opera dei piromani ha ripreso a farsi viva all’ombra del Tempio di Giove. Pulire le controversie col fuoco: un “hobby” che a Terracina non è mai stato abbandonato. La scorsa notte a bruciare è stata l’auto di proprietà di un militare di origine campana che da anni abita e presta servizio presso la tenenza di Terracina, guidata dal tenente Fabiana Cretì. Il mezzo, che si trovava in un cortile privato di via Bocchi, è andato praticamente distrutto. Ad accorgersi del rogo sono stati i residenti, che hanno notato il bagliore delle fiamme e l’acre odore del fumo denso.

Immediato è scattato l’allarme ai vigili del fuoco

Gli uomini del 115 sono prontamente intervenuti: in pochi minuti il mezzo è stato risucchiato dalle fiamme, che sarebbero partite dal vano motore, sotto il cofano anteriore; l’auto ha subito danni irreparabili nonostante il tempestivo intervento dei vigili del fuoco, che dopo un’ora hanno avuto ragione delle fiamme. Spento l’incendio sono partite le indagini condotte dalla polizia.

Vigili del fuoco in azione

Vigili del fuoco in azione

Non si esclude, per il momento, alcuna ipotesi, neppure quella dell’atto doloso con intento intimidatorio. Gli inquirenti stanno battendo comunque tutte le piste. Il finanziere fa parte del nucleo mobile. Le brillanti operazioni condotte negli ultimi tempi dal reparto della tenenza di Piazza Mazzini potrebbero aver scatenato l’ira di un malvivente. Nessuna ipotesi trova conferma dagli inquirenti che tengono la bocca cucita.

Nel 2011, sempre a Terracina, prese fuoco una Volkswagen Golf di un carabiniere che si trovava parcheggiata in un cortile privato di via Basilicata. Nello stesso anno venne data alle fiamme una Fiat Bravo di un poliziotto. Ora un altro attentato, anche se al momento i vigili del fuoco non escludono neanche l’ipotesi del corto circuito. Terracina non è certamente più un luogo sicuro: gli incendi sono all’ordine del giorno, colpi di arma da fuoco e altri episodi di violenza purtroppo si sono verificati negli ultimi tempi.

Share this post