Carenza di medici e personale, nuovo affondo del Comitato pro ospedale


ospedale fiorini terracina

«Lo scrivente comitato è molto tempo che  sta sollecitando i rappresentanti della ASL di Latina a risolvere, tra l’altro, i problemi della grave carenza di anestesisti e ortopedici  nell’ospedale di Terracina, al punto tale da non poter garantire la normale assistenza in Ortopedia, in camera operatoria e per le urgenze». Sono queste le parole di un comunicato stampa del Comitato pro ospedale Fiorini di Terracina.

«Per il reparto di ortopedia, la situazione si presenta ancora più grave, perché oltre alla carenza degli anestesisti, vengono a mancare anche gli ortopedici, con la conseguenza che non riescono a garantire i livelli minimi di assistenza e i pazienti sono costretti a rivolgersi negli altri ospedali inclusi quelli convenzionati, comportando, tra l’altro, maggiori costi che potrebbero essere utilizzati per l’assunzione del necessario personale.

Tale situazione è stata sollevata più volte dallo scrivente comitato al Direttore Generale Dott. Giuseppe Casati e, anche in più incontri con al Direttore Sanitario della ASL, Dott.Giuseppe Visconte, ma alle pro- messe, non sono seguiti  i fatti, con la conseguenza che l’ospedale di Terracina si trova da molto tempo in una situazione insostenibile, diventando, tra l’altro, un’astanteria,  mentre i problemi non vengono risolti, nonostante le continue sollecitazioni degli operatori e dello scrivente comitato.

Inoltre, da più un mese, veniamo a conoscenza che,  la Direzione della ASL,  a causa dell’emergenza Covid 19, l’intero servizio ginecologico e neonatologico sarebbe stato riorganizzato in tre ospedali con l’attivazione di un ambulatorio ostetrico presso l’ospedale di Terracina con l’acquisto delle necessarie attrezzature per far fronte, tra l’altro, alle esigenze delle gestanti nel territorio più vicino al comune di residenza. Vengono  acquistate le necessarie attrezzature e il giorno dopo l’inizio del nuovo servizio, veniamo a conoscenza che  l’Azienda ASL decide di non istituire più tale servizio Ostetrico Ginecologico a Terracina.   Tale comportamento scorretto e ambiguo della direzione della ASL di Latina, non può essere ignorato e contestato da parte di questo comitato e, non solo. Pertanto, questo comitato, chiede alla Direzione dell’Azienda ASL di Latina il rispetto degli impegni presi per l’istituzione del servizio ostetrico-Ginecologico a Terracina e che venga provveduto, con carattere d’urgenza, all’assunzione degli anestesisti e degli ortopedici, per far fronte alle normali esigenze dei  reparti e servizi, tra cui il nuovo servizio di osservazione Breve intensiva di recente attivato al Pronto soccorso».

Share this post