Caso Frosinone-Mare, esposto per il ponte Matera. Rabbia dei residenti


I camion che passano su e giù per strade di campagna. Centinaia di automobili in coda per entrare o uscire dal centro urbano di Terracina, provenienti o diretti in ciociaria o sui lepini. A La Fiora la situazione della viabilità scaturita dalla chiusura del tratto iniziale della Frosinone-Mare sta continuando a creare disagi a non finire. I residenti si sono organizzati e hanno presentato un esposto cautelativo, appellandosi alle istituzioni.

Strada chiusa, lavori a rilento: disagi nelle strade interne

Da dicembre il primo tratto della strada statale 699 di Fossanova è chiuso per lavori di consolidamento strutturale sul viadotto Anxur. La conseguenza è che da allora l’intero flusso di automobili e mezzi pesanti si è riversato nelle strade interne per poi raggiungere la rampa che porta al Frasso, dove la Frosinone-Mare è aperta e di nuovo percorribile. Adesso è arrivato l’esposto a cura del Comitato agricoltori pontini. Che ha voluto porre l’attenzione sulle condizioni del Ponte Matera, in località La Fiora. Poco più che un passaggio di campagna per mezzi leggeri, ma che da cinque mesi a questa parte è diventato un punto trafficatissimo. Anche dai mezzi pesanti.

Le richieste dei residenti: esposto e vigili agli incroci

In vista dei weekend di primavera, quando la strada registra un notevole (e pericoloso) incremento di traffico, il comitato ha deciso di scrivere un esposto cautelativo a vigili del fuoco, polizia locale e Comune di Terracina. Si chiede di eseguire una verifica strutturale sul ponte, per accertarne la staticità. Inoltre è stato chiesto alla polizia locale di presidiare, almeno nei fine settimana, gli incroci di Ponte Maggiore (al km 94 dell’Appia) e della Migliara 55, entrambi a forte rischio di incidenti stradali. La speranza è che l’Anas mantenga i patti e che davvero questa volta possa essere rispettata la data indicata per la riapertura della Frosinone-Mare, il 25 maggio.

Share this post