Caso spiagge, il Comune chiarisce la sua posizione


«Con riferimento al susseguirsi di interrogativi e reazioni della cittadinanza espressa sui canali social circa la vicenda che riguarda le spiagge in generale e, nello specifico, lo stabilimento White Beach, va chiarito in modo netto e senza alcuna possibilità di interpretazione che né il sindaco, né la giunta o il Consiglio Comunale possono intervenire su una procedura di bando pubblico, la cui definizione è totalmente affidata alle procedure di legge e ai commissari di gara». Questo quanto si legge in una nota diramata alla stampa. «Il Comune di Terracina ha l’obbligo di osservare e far rispettare le disposizioni di legge e non sono accettabili illazioni che evocano fantasiose volontà diverse da quelle del rispetto delle norme vigenti. Naturalmente, come per tutti gli atti amministrativi, è consentito agli esclusi o ai mancati aggiudicatari di poter ricorrere al tribunale amministrativo per far valere le proprie ragioni. Dispiace molto per tutte le persone a qualunque titolo coinvolte, imprenditori, lavoratori e clienti. Purtroppo questa è una stagione particolarmente complessa e tutte le procedure ne risentono, ma l’amministrazione sta cercando di trovare soluzioni tempestive per assicurare comunque una organizzazione delle spiagge libere ed in concessione, in linea con le aspettative di turisti e residenti».

Share this post