Centro anziani commissariato, il Tar dà ragione al Comune


La questione della gestione del centro sociale “Gli anziani” era finito addirittura davanti ai giudici del tribunale amministrativo regionale del Lazio. Una querelle infinita a causa di un contrasto sorto tra la struttura per gli anziani di via Leopardi e l’allora amministrazione comunale rappresentata dal commissario prefettizio Erminia Ocello. La vicenda, infatti, risale al 2016 quando in Comune non c’era rappresentanza politica per via della sfiducia votata ai danni dell’allora sindaco (poi rieletto) Nicola Procaccini. I giudici erano chiamati a confermare o  meno il provvedimento emesso dal commissario prefettizio. Nello specifico si tratta di una delibera firmata appunto dal commissario che, sulla base di una proposta formulata dall’Azienda speciale “Terracina”, evidenziava difficoltà e presunte irregolarità nella gestione amministrativa del centro anziani. Il centro aveva poi impugnato gli atti e la patata bollente era finita al Tar. I giudici hanno confermato il provvedimento emanato dal Comune, rigettando il ricorso del centro sociale.

Share this post