Cerimonia del 2 Giugno e polemiche, la Lega sta con Sciscione


Il direttivo locale e il gruppo consiliare della Lega Salvini premier di Terracina si schierano col presidente del Consiglio Gianfranco Sciscione nella polemica relativa alla celebrazione del 2 Giugno. «Il Presidente del Consiglio Comunale di Terracina Gianfranco Sciscione – scrive la Lega – ha inviato una nota al Prefetto di Latina, Maria Rosa Trio nella quale ha sottolineato come il sindaco facente funzione Roberta Tintari non lo abbia invitato alla cerimonia della Festa della Repubblica tenutasi il 2 Giugno in Piazza Garibaldi, al cospetto di assessori ed alcuni consiglieri e forze dell’ordine. Ci uniamo alle parole del Presidente del Consiglio poiché purtroppo non hanno ricevuto l’invito neanche i consiglieri comunali di opposizione, come successe per la giornata dedicata alle vittime delle foibe. Lo scarso rispetto delle istituzioni e delle opposizioni si manifesta ancora una volta in chi non sa dividere l’istituzione che rappresenta pro tempore (senza alcun mandato popolare) dalla campagna elettorale. Ancora una volta viene meno il senso delle istituzioni».

Share this post