Ciclismo, domani si corre il 41esimo G.P. Marcello Falcone


g.p.marcello falcone

Domani il Gran Premio Marcello Falcone tocca le 41 edizioni. E’ un record per Terracina. Il Gruppo Sportivo Dilettantistico Terracina Desco non ha saltato una primavera da quel maledetto 12 ottobre del 1975 quando il compianto Marcello perse la vita dopo aver tagliato vittoriosamente il traguardo ad una gara di Volla in provincia di Napoli. Cinque mesi prima si era laureato Campione regionale juniores vincendo a Terracina con il traguardo posto su Viale Circe.

marcello falcone. anxur time

Marcello Falcone

Fin da subito Tiziano Testa ha deciso di organizzare una gara juniores in sua memoria. E la manifestazione è andata sempre in crescendo tanto da essere considerata tra le gare di ciclismo giovanili più importanti d’Italia. Non a caso giungono ogni anno corridori da diverse regioni italiane. Nell’albo d’oro figurano anche Benedetto Patellaro, Rodolfo Massi, Valerio Agnoli e Stefano Pirazzi. Nel 2004 l’unico trionfo terracinese con Marco Liquori. Lo scorso anno vinse Cristian Scaroni della Feralpi Monteclarense.

La nuova viabilità ha modificato partenza ed arrivo. Il ritrovo è previsto a Villa Tomassini alle 7.00 con partenza ufficiale alle 9.00 dalla Spiaggia di levante. L’arrivo è previsto su Viale della Vittoria all’altezza di Piazza Mazzini poco prima delle 12.00. Il percorso prevede la Statale Flacca e la salita a Itri dove alla Madonna della Civita è previsto il Gran Premio della Montagna Marco Pantani. I corridori si dirigeranno verso Campodimele, Lenola e Monte San Boagio dove è posto il secondo Gran Premio della Montagna dedicato a Vittorio Colabattista, storico Direttore Sportivo.

Da quel momento mancheranno circa 15 chilometri che saranno consumati con l’ingresso su Via Roma a Terracina e la volata finale su Viale della Vittoria.Un’altra prerogativa del Gran Premio Marcello Falcone è la presenza illustre di campioni del ciclismo del passato e del presente.

Tiziano Testa.anxur time

Tiziano Testa

 

Gli appassionati potranno abbracciare idealmente Gianni Motta e Michele Dancelli. Quindi Andrea Bresci, Presidente del Museo Civico di Firenze Gino Bartali, il nipote dello stesso Bartali, Giacomo Bertagni, Filippo Simeoni e Luigi Sgarbozza, l’ex Campione del Mondo di Salto con l’asta Giuseppe Gibilisco e la tre volte campionessa italiana di salto in lungo, Darya Derkach.

 

Share this post