Commozione ai funerali di Gino Bellomo


gino bellomo. anxur time

Si sono svolti questa mattina nella Chiesa Sant’Antonio di Borgo Hermada i funerali di Gino Bellomo, il 32enne italo brasiliano di Terracina morto sabato notte a seguito di una rissa degenerata in Piazza Garibaldi a Terracina. Tantissime persone, soprattutto giovani, hanno voluto dare l’estremo saluto a Gino il cui feretro è stato accolto da un corteo di moto che all’uscita lo ha accompagnato al cimitero di Borgo Hermada dove Gino Bellomo riposerà.

funerali di Gino Bellomo. Anxur time

La Chiesa di Sant’Antonio non è riuscita a contenere la folla. Tante persone hanno ascoltato l’omelia all’esterno della Chiesa stessa. La bara di Gino Bellomo è stata avvolta dalla bandiera del Brasile e sono stati fatti volare in cielo palloncini e lanterne sempre con i colori verde oro. Gli amici hanno indossato una maglia con il volto del loro amico. Tanta la commozione e lo strazio dei presenti.

C’era tutta la famiglia di Gino Bellomo stretta nel dolore. Spesso il funerale è stato interrotto dal grido “Forza Gino, sarai sempre nei nostri cuori”.

funerali di Gino Bellomo. Anxur timeIntanto ieri si è svolta l’autopsia sul corpo di Gino Bellomo. I calci e i pugni sferrati con violenza sul volto gli sono costati la vita. È quanto emerso dall’esame autoptico. L’enorme emorragia cerebrale è stata fatale. Tesi che conferma l’inaudita violenza perpetrata nei confronti del 32enne.

Nel frattempo, i due tunisini, interrogati dal Gip, avrebbero confermato che la rissa, iniziata all’interno del Bar Artis e proseguita in Piazza Garibaldi, sarebbe degenerata per futili motivi.

bellomo 1

I tunisini sono fuggiti subito dopo senza rendersi conto, hanno dichiarato, che Gino Bellomo era riverso a terra privo di vita. Si trovano in carcere. Le indagini proseguono.

Share this post