Contratto di costa dell’agro pontino, la firma di Legambiente


Il 26 luglio scorso il Consiglio provinciale di Latina aveva approvato all’unanimità il documento di intenti per avviare un coordinamento funzionale per l’attivazione del Contratto di Costa dell’Agro Pontino, unico per tutta la Regione Lazio, tra Enti e attori del territorio. Il Contratto di Costa, così come i contratti di Lago e di Fiume, rappresenta uno strumento di programmazione negoziata strategica e integrata utile al fine di identificare criticità, attivare politiche condivise di gestione sostenibile e valorizzazione dell’area costiera, in grado di promuovere la riqualificazione ambientale e paesaggistica, attraverso azioni di prevenzione, mitigazione e monitoraggio delle emergenze di inquinamento ambientale, di dissesto idrogeologico e di erosione, di impatto paesaggistico/naturalistico, e di mitigazione del rischio derivante dai cambiamenti climatici. Lo strumento del Contratto rimette al centro dell’iniziativa pubblica la manutenzione e la cura del territorio, di concerto con le comunità locali e le loro articolazioni, riportando al loro ruolo di responsabili e garanti di un’azione continuativa di controllo e monitoraggio, favorendo lo sviluppo di turismo sostenibile e di economie agricole sostenibili, la messa in sicurezza del territorio e una maggiore qualità delle coltivazioni e dei corpi idrici della nostra provincia

La Provincia sarà il Coordinatore dei diversi attori del territorio, quali i Comuni di Latina, Sabaudia, San Felice Circeo, Terracina, Sezze, Sermoneta, l’Ente Parco Nazionale del Circeo, il Consorzio di Bonifica dell’Agro Pontino, Acqualatina SpA, la Camera di Commercio di Latina e Unindustria e tutte le rappresentanze e le associazioni del territorio.

“Siamo particolarmente onorati di entrare a far parte e in modo da subito molto attivo, visto che siamo coinvolti nell’ elaborazione del Documento Strategico, di un Contratto cosi’ importante che mira a coordinare tutti gli altri contratti di fiume e di lago presenti nell’Agro Pontino, valorizzando appieno la costa, considerando che proprio gli ultimi dati della nostra campagna estiva nazionale Goletta Verde 2019 ci dicono che quella dell’Agro Pontino è una delle migliori coste laziali per la qualità delle acque di balneazione ma anche per i servizi turistici offerti. Vogliamo ringraziare qui, oltre che il Presidente della Provincia di Latina Carlo Medici, Matteo Lovato, dell’Ufficio di Presidenza della Provincia di Latina che coordina il Contratto, nonché la Regione Lazio, con particolare riferimento alla responsabile Ufficio di Scopo Contratti di Fiume, Cristiana Avenali e al nostro Presidente Legambiente Lazio, Roberto Scacchi, per aver proposto il nostro inserimento nel Contratto riconoscendo il ruolo attivo e propositivo del nostro Circolo.

Molteplici sono infatti le iniziative del nostro Circolo– che ricordiamo è nato solo tre anni fa!- per la costa e il mare che non solo sono state determinanti in questi tre anni per il mantenimento della Bandiera Blu di Terracina ma anche per l’ottenimento della 4^ vela Legambiente Turismo-Touring Club per Terracina e per tutto il Comprensorio turistico della Riviera di Ulisse, considerando che nel 2016 Terracina partiva da appena 2 vele, come abbiamo avuto modo di ricordare proprio recentemente nell’evento pubblico organizzato dalla Amministrazione Cittadina, della Notte Blu del 26 agosto scorso a Terracina. Tra le iniziative più importanti, svolte in qualita’ di centro di osservazione e di sperimentazione importante a livello nazionale, europeo e internazionale per l’attuazione della direttiva Marine Strategy e per il monitoraggio, la prevenzione e la riduzione dei rifiuti marini e dell’inquinamento marino, citiamo: campagne nazionali e internazionali come #beachlitter con la raccolta, analisi e categorizzazione dei rifiuti secondo metodologie scientifiche internazionali e con l’invio dei dati anche a livello europeo e internazionale, #spiaggeefondalipuliti con azioni di pulizia e tutela delle coste e dei fondali coinvolgendo intere scuole, le categorie dei balneari e le cooperative dei pescatori, #golettaverde che quest’anno ha confermato per la quarta volta l’assenza dell’inquinamento per le acque del mare di Terracina, uno dei migliori del Lazio, insieme a progetti proposti da Legambiente alle Scuole e finanziati dal MIUR a valere su fondi europei come quello denominato “da Goletta Verde alle Sentinelle del Mare” per la creazione del Centro di Monitoraggio delle Acque (superficiali e di falda) con il Dipartimento Chimico dell’ ITS A. Bianchini, il progetto finanziato dal MIUR  a valere sui fondi europei “Per un mondo migliore-In Acque Pulite” per l’educazione alla raccolta e analisi del beach e  marine litter con l’ IC Maria Montessori, il progetto “Plastic Free Beaches” finanziato dalla Fondazione Principato di Monaco nel programma internazionale “Beyond Plastic Med”, di cui Terracina è stato sito italiano di attuazione, e la rete territoriale Plastic Free Beaches Terracina, coordinata dal nostro Circolo, con molte scuole, associazioni di categoria, esercizi commerciali e associazioni attive e con la presenza dell’Amministrazione Comunale e i principali gestori dei servizi attivi, come la De Vizia Urbaser Transfer SpA (gestore rifiuti) e Acqualatina SpA (gestore idrico), nella prevenzione e nella riduzione dell’uso della Plastica soprattutto monouso, il progetto nazionale di Associazione Chimica Verde Bionet, con la creazione a Terracina e presso il nostro Circolo di un Punto Chimica Verde nazionale dedicato alla attuazione della Plastic Strategy europea per la corretta applicazione della recente direttiva “Single Use Plastic” approvata a giugno scorso con la creazione di un Vademecum per una Strategia Plastic Free e alla certificazione delle bioplastiche sostitutive, il progetto locale, regionale e nazionale “Fishing for Litter Terracina” all’interno del protocollo di intesa Regione Lazio-Arpa Lazio-Corepla denominato “Fondali Puliti” – da noi proposto ai pescatori e attuato sotto il coordinamento della Capitaneria di Porto- Guardia Costiera insieme alla Ditta Gestore Rifiuti Urbani, con i pescatori e le cooperative, per la raccolta e la categorizzazione dei rifiuti plastici e del marine litter e che ha contributo con i dati forniti alla predisposizione del recente disegno di legge “Salvamare” presentato dal Ministro Sergio Costa e approvato in CdM ad aprile ed incardinato in Commissione Ambiente a luglio scorso e che prevede meccanismi premiali a favore dei pescatori, nonché sgravi per gli oneri economici sostenuti, mentre i costi di gestione saranno coperti dal servizio integrato dei rifiuti, il progetto con il prestigioso Corso di Laurea su Sostenibilita’ Ambientale ed Ecotossicologia della Universita’ di Siena, dal titolo “Quantificazione  e Caratterizzazione del Marine Litter e delle Microplastiche in Specie Ittiche nel Golfo di Terracina”, tesi sviluppata all’interno del progetto Fishing for Litter Terracina dalla nostra Socia Annalaura Rossi, il protocollo di intesa con Acqualatina SpA per la campagna Acqualatina per l’Ambiente #noplastic con diffusione di borracce nelle scuole e progetti educativi innovativi sulla preziosa risorsa Acqua nell’ottica del risparmio, riuso e corretto smaltimento, il progetto pulizia dei fondali e bonifica dei fondali dalle reti abbandonate con il nucleo sub del Circolo, coordinato dal nostro Socio Piergiorgio Trillo’, e la Guardia Costiera e il Ministero dell’ Ambiente, il progetto di monitoraggio della Posidonia Oceanica, sempre con il nucleo sub del Circolo, all’interno del piano di Gestione e Monitoraggio della Regione Lazio, piano utilizzato per consentire il passaggio dei SIC marini (siti marini di importanza comunitaria) del Lazio a ZSC marine (zone speciali di conservazione), passaggio avvenuto secondo le normative europee con D.M del Ministero Ambiente del 2 agosto 2017, piano peraltro da noi integrato come Circolo e poi approvato dalla Regione Lazio, la quale ha esteso alcune nostre proposte locali anche a livello regionale, l’ azione coordinata con Legambiente Lazio per il miglioramento della qualita’ del sedimento delle nostre spiagge deturpate da un intervento sbagliatissimo di qualche anno fa, e tante altre iniziative di educazione alla prevenzione all’abuso dei materiali plastici, alla pulizia e tutela costante delle spiagge, studi sulla erosione costiera e sui ripascimenti. Legambiente inoltre e’ in prima linea per il contrasto alla privatizzazione selvaggia delle spiagge ed e’ impegnata nella proposta di progetti normativi per il regolamento delle concessioni e delle convenzioni degli arenili e nella selezione delle premialita’ ambientali che possano orientare i futuri bandi” – dichiara Anna Giannetti, Presidente del Circolo– “Metteremo a valore tutte queste nostre esperienze nel contratto di costa e siamo sicuri di poter fornire un contributo importante.

Abbiamo infatti proposto alla Provincia di Latina di entrare nel Protocollo territoriale “Plastic Free Beaches” proprio per poter mettere a sistema tutti gli sforzi fatti nella prevenzione, riduzione, raccolta, smaltimento e differenziazione dei rifiuti plastici e siamo certi che la Provincia darà il suo contributo alla causa del #plasticfree integrando il protocollo di rete contro le Plastiche nel contratto di Costa.

Inoltre a breve, dopo un percorso formativo importante e una purtroppo lunga procedura di autorizzazione della Prefettura provinciale, dovuta alla necessità di operare riconoscibilmente con nostre divise e fregi ed essendo i primi a richiederlo come Circolo Legambiente locale sul territorio della nostra Provincia, ci costituiremo come raggruppamento provinciale di guardie ambientali zoofile e proporremo alla Provincia di utilizzare la nostra competenza normativa e in materia di vigilanza, controllo e sanzioni anche nel settore della tutela delle coste e in futuro magari pensando di costituire all’interno del raggruppamento, una squadra di volontari certificati che operi, secondo linee guida stabilite e concordate, per contrastare il Marine Pollutionin caso di incidenti in mare che comportino lo spiaggiamento di prodotti inquinanti sulle coste dell’Agro Pontino e che possano avere conseguenze devastanti sia sugli ecosistemi marini che sulle economie locali legate al mare, esperienza che Legambiente ha già sviluppato a livello nazionale e internazionale.”.

Share this post