Coronavirus e polemiche, Zomparelli replica alla Lega


«Mi spiace solo per il sindaco Tintari che forse aveva creduto alla buona fede dei “leghisti nostrani”, ma io lo sapevo che era una farsa. Dal loro comunicato di oggi, debbo constatare che non hanno fatto passare neppure una settimana dall’ultimo incontro con il sindaco, prima di cominciare a fare sciacallaggio sull’emergenza che stiamo vivendo tutti. Un’emergenza che è innanzitutto sanitaria, visto che il coronavirus non è stato ancora sconfitto. Né lo sarà fino a quando non avremo un vaccino capace di farlo. Ma è anche una terrificante emergenza economica, soprattutto per la nostra città che vive essenzialmente di turismo, commercio e agricoltura. Proprio i tre settori maggiormente colpiti». Lo scrive in una nota l’assessore Danilo Zomparelli

«Per questo motivo, siamo stati tra i primi in Italia a bloccare tutti i tributi comunali. E saremo tra i primi in Italia a distribuire, non dei semplici buoni spesa cartacei, facilmente falsificabili e che non danno resto. Ma delle tessere prepagate da consegnare a domicilio a circa mille famiglie terracinesi. Parallelamente, per sprigionare una manovra economica che fornisca ossigeno alla città, stiamo lavorando contemporaneamente all’approvazione dei bilanci consuntivo e previsionale. Questo malgrado i termini per la loro approvazione siano stati spostati dal Governo, rispettivamente a fine giugno e fine luglio. Noi non vogliamo perdere tempo e non lo perderemo. Anche a me avrebbe fatto piacere la collaborazione dei consiglieri leghisti, soprattutto in Commissione bilancio. Purtroppo, dopo il loro comunicato di oggi, ho perso ogni speranza. Giudicheranno i cittadini se questo è un comportamento responsabile, da parte di persone che amano la propria città alle prese con la più grave crisi dal dopoguerra».

Share this post