CREDITI DI IMPOSTA: BONUS PER LA VIDEOSORVEGLIANZA


Avete reso la vostra abitazione più sicura installando sistemi di allarme o di videosorveglianza o avete stipulato contratti con istituti di vigilanza? Bene… L’Agenzia delle Entrate vi riconosce un credito di imposta purché tali spese siano state regolarmente fatturate e sostenute nel corso dell’anno 2016.

Nell’ottica della prevenzione delle attività criminali, la legge di stabilità del 2016 ha riconosciuto un credito di imposta per le spese:

a) sostenute per l’installazione di sistemi di allarme e/o di videosorveglianza
b) sostenute a seguito di contratti stipulati con istituti di videosorveglianza

Gli interessati devono trasmettere un’apposita istanza telematica (anche tramite intermediari abilitati quali tributaristi, commercialisti, ragionieri) all’Agenzia delle Entrate entro e non oltre il 20 marzo 2017.

Nella richiesta devono essere comunicati:
– il proprio codice fiscale;
– il codice fiscale del fornitore del bene o servizio;
– gli estremi della fattura;
– la qualifica dell’immobile, ovvero se trattasi di immobile ad esclusivo uso di abitazione o se trattasi di immobile ad     uso promiscuo (abitazione e luogo di attività lavorativa)

L’Agenzia delle Entrate, sulla base dei fondi a disposizione, determina la percentuale massima di credito spettante a ciascun soggetto beneficiario. tale percentuale sarà comunicata dalla stessa con un successivo provvedimento entro il 31 marzo 2017.

Il beneficiario potrà poi utilizzare il credito di imposta solo in compensazione: o mediante modello F24 da versare esclusivamente per via telematica, per i soggetti titolari di partita iva; o in detrazione delle imposte dovute derivanti dalla dichiarazione dei redditi per i soggetti non titolari partita iva..

Per approfondimenti contattatemi all’indirizzo e-mail silviano.altobelli@gmail.com o al numero 339.6853108

dott. Silviano Altobelli
Consulente Fiscale e Tributario

Share this post