Custodia e mantenimento dei randagi, la delibera di giunta


Da una ricognizione compiuta dal comando della polizia locale è emerso che i servizi di tutela animali, custodia e mantenimento dei randagi, risultavano in scadenza alla data del 18 gennaio scorso. Per questo, ritenuta la necessità di garantire continuità del servizio allo scopo di prevenire disagi, dato atto che attualmente il Comune è provvisto di un proprio canile sanitario già autorizzato dalla Asl per cui i cani randagi accalappiati vengono a esso inviati, e che è intendimento dell’amministrazione realizzare anche un ricovero per gatti, riadattando parte della struttura attualmente non utilizzabile come canile rifugio, la giunta comunale ha espresso indirizzo affinché il Comando della polizia locale predisponga tutti gli atti necessari all’indizione di gara pubblica per l’affidamento pluriennale del servizio e, nelle more della definizione di questa procedura, affidi per un periodo non superiore a sette mesi il servizio unificato di gestione del canile comunale e del servizio di mantenimento e custodia dei cani in esubero presso struttura esterna al Comune. 

Share this post