Cyberbullismo tra i banchi di scuola, il questore ammonisce una 15enne


Cyberbulla a 15 anni, scatta l’ammonimento del questore di Latina. Vittima un ragazzino di 14 anni, compagno di classe della destinataria del provvedimento. Gli era stata rubata l’identità, con cui era stato aperto un falso profilo a insaputa dello studente. La scoperta è arrivata a conclusione di un’indagine svolta dal commissariato di polizia di Terracina in collaborazione del dirigente scolastico di un istituto secondario. È il primo caso di cyberbullismo in provincia di Latina.

Il dirigente del commissariato di polizia di Terracina Bernardino Ponzo con la squadra Anticrimine

Gli agenti diretti dal vicequestore aggiunto Bernardino Ponzo hanno appurato che la vittima aveva subito il furto della sua identità per la creazione di un fake su un social network. Una volta effettuato il primo step, la giovane di 15 anni raggiunta dall’ammonimento del questore, fingendosi il suo compagno – si legge in una nota del commissariato – lo aveva ridicolizzato con alcuni post a nome e col falso profilo dello stesso. Post, screeenshot, in più modi la reputazione del compagno – ignaro di tutto – veniva compromessa.

La vittima ha preso coscienza di quanto stava accadendo quando il 14enne si è ritrovato isolato dai suoi coetanei. A quel punto, grazie anche alla sinergia tra polizia e ambiente scolastico, si è riusciti a intervenire efficacemente. Col supporto della squadra Anticrimine, sono stati raccolti i materiali incriminati ed eliminati dalla rete internet, disattivando anche il falso profilo. Da un punto di vista tecnico, il provvedimento segue l’iter procedurale dell’ammonimento previsto nei casi di stalking. Ma, a differenza di questo, trattandosi di soggetti minori, ne cessano gli effetti al compimento della maggiore età. Un episodio molto grave, quello scoperto e risolto dal commissariato di Terracina, proprio mentre proseguono senza sosta negli istituti scolastici della provincia di Latina gli incontri con la polizia per informare e sensibilizzare i giovani sulle tematiche del bullismo e cyberbullismo.

Share this post