Decreto Crescita, la Lega scende in campo: «L’inizio di una nuova era»


Decreto crescita, la Lega scende in campo con l’istituzione di una struttura in grado di aiutare famiglie e imprese a usufruire delle importanti novità introdotte dal Governo in questo campo. È una delle iniziative presentate nel pomeriggio di ieri dalla Lega in un importante incontro che si è svolto all’Open Art Café di Terracina, alla presenza di una nutrita platea.

Al tavolo, oltre al coordinatore cittadino Fulvio Carocci e a quello di Latina Valiani, anche il sottosegretario Claudio Durigon, il deputato e coordinatore regionale del partito di Matteo Salvini Francesco Zicchieri, e Silviano Di Pinto, coordinatore provinciale della Lega e responsabile del settore economia a livello regionale per il Carroccio. Tra gli ospiti anche Barbara Saltamartini, presidente della Commissione attività produttive. L’incontro è stata l’occasione per tirare le somme delle attività di governo delle ultime settimane ma soprattutto per presentare nel dettaglio il testo del Decreto crescita, definito un atto di vitale importanza con le sue circa 500 pagine fitte di provvedimenti destinati a famiglie e imprese. E se Durigon ha riferito di essere estremamente soddisfatto di questo testo, Zicchieri da parte sua ha voluto sottolineare come il decreto crescita sia soltanto il primo passo in un contesto più ampio di miglioramento delle condizioni economiche e del lavoro. Prossima tappa: la flat tax per dare un’ulteriore boccata d’ossigeno. Più tecnico l’intervento di Di Pinto, professionista del settore, entrato nei dettagli. L’impressione è che da Terracina, sempre più roccaforte della Lega in ambito non solo provinciale ma anche regionale, sia partita una lunga campagna elettorale che porterà nei prossimi mesi il Carroccio a sfidare gli avversari. E in questa sfida le tematiche del lavoro, dell’economia, della tassazione saranno centrali.

Share this post