Difendiamo il territorio: interviene Percoco


Da sinistra: Pippo Civati e Andrea Percoco

La battaglia che sta conducendo da poco più di un mese il neonato movimento pressione civica e il gruppo Facebook “ noi difendiamo le Sorgenti Termali di Terracina” a difesa della Riviera e Scogliera di Levante e delle preziose acque termali di Terracina è una battaglia che condividiamo e sosteniamo.

Ancor più adesso dopo la dismissione dell’ecomostro dell’impianto di depurazione di Via delle Cave che ha deturpato per decenni una delle zone più importanti dal punto di vista archeologico, naturalistico e ambientale di Terracina. E abbiamo notato dai giornali e dal web quanto alto è l’interesse da parte dei terracinesi! Difendere le bellezze naturali che ci appartengono che costituiscono il nostro bene comune. Tutelare l’ambiente non solo per noi ma anche per le generazioni che verranno è tanto giusto quanto importante. Dobbiamo avere cura delle terra perché ci appartiene, l’abbiamo presa in prestito e dobbiamo rispettare il territorio. Salvaguardare l’ambiente rispecchia un modello di vita, un modello sostenibile. Modello sostenibile significa ridurre al minimo l’impatto ambientale e basarci su fonti di energia rinnovabili alternative, abrogando un modello di vita che si basava nel passato sul massiccio utilizzo dell’energia ottenuta tramite l’impiego di fonti energetiche non rinnovabili. Mantenere la biodiversità e tenere l’ambiente pulito , difendere le bellezze naturali e valorizzarle, questi i nostri obbiettivi.

La battaglia avviata, è quindi giusta condivisibile , e apprezzabile e noi la sosteremmo. Difendiamo tutti le sorgenti termali per il bene della nostra città fare si che non siano i privati a goderne a discapito della cittadinanza. Inoltro molto bella l’iniziativa promossa dallo stesso movimento con il supporto di Legambiente intitolata “ puliamo il mondo 2015”. Con un partito democratico che Governa con Verdini ed è artefice del dannoso decreto Sblocca Italia, noi di Possibile ci alleiamo con i Verdi , Green Italia e Verdi Europei e sposiamo le battaglie a difesa del territorio, per riconsiderare l’ambiente come fonte di lavoro per i concittadini. Abbiamo inserito ben 3 temi che riguardano l’ambiente all’interno della campagna referendaria , anche per dire un sonoro no alle trivellazioni in mare, problema molto sentito nell’Adriatico, e siamo attenti anche a che non sporchino il mar Tirreno.

Nella prossima primavera il referendum sulle trivelle si terrà, grazie all’intervento di numerose regioni contrarie, anche noi vogliamo abolirle, e su questo, gli amici del pd di Terracina, che pure hanno mostrato interesse nell’azione di recupero della nostra scogliera di Levante , come si pongono? Perché non hanno firmato i nostri referendum per abrogare le trivelle? Come considerano i democratici il tema ambientale? Noi abbiamo le idee chiare, loro? Noi vogliamo una città sensibile ai temi ambientali, perché una Terracina sensibile alle tematiche ambientali è una città diversa. Dire no alle trivellazioni in mare ragionare di efficienza energetica. Molte Regioni che hanno firmato per i referendum faccio notare che sono a guida pd. La proposta, lavoriamo per una squadra ampia per quanto riguarda i temi ambientali? Gli amici del pd di Terracina, il movimento 5 stelle? L’ex Sindaco Nicola Procaccini e la sua squadra così attenti alla difesa delle sorgenti termali che pensano delle trivellazioni?

Costruiamo una coalizione ampia tra partiti, associazioni e cittadini sui temi dell’ambiente.

Andrea Percoco esponente di Possibile

Share this post