Documento plastic free, Wwf e Zero Waste tendono la mano


«Consapevoli che lo stato di salute dell’Ambiente del nostro Territorio è molto più importante delle storie delle Associazioni Ambientaliste, riteniamo che sia giusto superare qualsiasi contrapposizione e incomprensione tra di noi per non indebolire le sacrosante lotte che abbiamo portato avanti in questi anni e per non perdere la credibilità da parte dei cittadini, costruita lentamente nel tempo ma ad oggi ben solida». Sono le parole del Comitato rifiuti zero  e Wwf Litorale laziale, nelle persone dei responsabili locali Marina Mobilio e Franca Maragoni.

«Ci sono dei momenti in cui occorre fermarsi a riflettere su possibili errori commessi, e così abbiamo fatto come Zero Waste Italy – Comitato Rifiuti Zero Terracina e WWF Litorale Laziale, con l’aiuto di Fare Verde, ricostruendo tutti i passaggi che hanno portato alla attuali incomprensioni con il locale Circolo di Legambiente riguardo al Documento Plastic Free. Abbiamo riportato alla mente gli incontri collegiali, gli scambi di mail, le osservazioni fatte riguardo ai diversi documenti che venivano rimpallati da una parte e dall’altra, fino all’individuazione dell’errore commesso quando, considerate le difficoltà di pervenire ad un documento unitario, abbiamo deciso – era il 3 maggio – di presentarne uno a supporto di quelli già in precedenza presentati da Legambiente e da Fare Verde.  Ma, per un errore di cui ci riteniamo pienamente responsabili ma molto dispiaciuti, invece di inviare in Comune il nostro documento originario, abbiamo inoltrato quello che si tentava di far firmare a tutte le organizzazioni, in pratica quello di Legambiente con lievi emendamenti apportati dalle altre Associazioni. Appena divenuti consapevoli dell’errore – era il 23 maggio – Zero Waste e WWF hanno ritirato il Documento presentato in Comune, e stiamo operando affinché questo sia riportato nei siti che hanno trattato la notizia. Ribadiamo le nostre scuse, la stima verso Legambiente e l’assoluta casualità di quanto accaduto; siamo certi che il ruolo di tutte le Associazioni Ambientaliste a Terracina risulti e risulterà tanto più incisivo quanto più riusciremo a operare assieme, valorizzando differenze ed approcci che sono una ricchezza per un Territorio come il nostro, dove il sogno di vedere l’Ambiente difeso trasversalmente da tutti rimane ancora un sogno la cui realizzazione necessita di un costante impegno comune».

Share this post