Europa Verde scrive al prefetto: “Episodi gravi per il decoro delle istituzioni”


«Europa Verde Terracina scrive al Prefetto di Latina per segnalare i recenti episodi gravi per il decoro delle Istituzioni, il rispetto della Cittadinanza ed il corretto esercizio dei diritti democratici che hanno visti coinvolti alcuni esponenti della Giunta Terracinese, senza alcuna presa di posizione da parte del Sindaco F.F., in una fase delicatissima per la Città come quella dell’Emergenza Covid-19. Questo anche al fine di vigilare sul pieno rispetto della democrazia in vista delle prossime elezioni Amministrative». L’iniziativa porta la firma del gruppo politico Europa Verde, sezione di Terracina.

«Abbiamo provveduto – si legge in una nota – ad inviare via PEC all’attenzione di sua Eccellenza il Prefetto di Latina, una documentata nota volta a segnalare i gravi episodi recentemente accaduti nella nostra Città ad opera di alcuni autorevoli esponenti della Giunta Comunale di Terracina, episodi, a nostro avviso, fortemente lesivi del ruolo delle Istituzioni cittadine e che denotano uno  scarso rispetto della Cittadinanza oltre che una inadeguata conoscenza delle buone norme di comportamento e del dovere di fungere da esempio che un Amministratore pubblico dovrebbe sempre avere presente.

Come forza politica, recentemente costituita, che affonda le sue radici nel volontariato ambientale e sociale e che fa della competenza e della qualità della proposta le sue caratteristiche preminenti, dopo solo poco più di un mese dalla nostra nascita, abbiamo già dovuto subire inopinati e scomposti attacchi, in un clima di crescente violenza verbale, con toni minacciosi e perfino intimidatori, da parte di esponenti dell’Amministrazione in carica e dei loro sostenitori, per il solo fatto di svolgere la nostra dovuta azione di stimolo verso l’Amministrazione. Azioni, termini e toni, quelli usati, che denotano una grave mancanza di rispetto per le Istituzioni, del tutto fuori luogo nella attuale fase assai critica dell’emergenza Coronavirus. Emergenza che la Città sta vivendo con tanta preoccupazione e spirito di sacrificio e che meriterebbe, per rispetto, ben altri atteggiamenti e senso di responsabilità da parte di chi rappresenta le Istituzioni.

“Pur avendo, come Europa Verde Terracina, stigmatizzato a più riprese sulla nostra pagina facebook, i comportamenti messi in atto nei nostri confronti, oltraggiosi e lesivi anche dell’esercizio del nostro legittimo diritto di critica e di proposta nei confronti dell’Amministrazione, e pur essendo stati gli episodi in questione diffusamente condannati dalla cittadinanza e da esponenti politici e rappresentanti di associazioni e sindacati, gli stessi non hanno, ad oggi, suscitato alcuna, non solo a nostro, ma a generale avviso, doverosa presa di posizione da parte del Sindaco f.f. di Terracina” dichiarano Gabriele Subiaco e Catia M. Mosa, co-portavoci di Europa Verde Terracina “Un non agire, non accettabile, che ci preoccupa moltissimo e che ci ha spinto a scrivere al Prefetto, per evitare il ripetersi di comportamenti ed episodi analoghi”.

Tutto ciò anche a maggiore garanzia del clima che dovrà caratterizzare la prossima campagna elettorale che dovrà basarsi sul confronto democratico e sulla migliore proposta per questa Città e non di certo ispirato alla violenza, agli insulti, o peggio ancora alle velate allusioni, minacce e finanche intimidazioni. Quindi proprio in vista delle elezioni amministrative, che presumibilmente si svolgeranno in autunno anche nella nostra Città, abbiamo ritenuto di chiedere a Sua Eccellenza il Prefetto di Latina che sia garantita una attenta vigilanza sul nostro Comune, affinché sia ripristinato un civile rispetto delle Istituzioni, siano osservate le più elementari regole democratiche e salvaguardata la libertà di tutti i soggetti politici di potersi proporre in un civile confronto democratico, valutando anche altre eventuali soluzioni, di maggior garanzia, per poter meglio gestire sia le contingenze dell’emergenza coronavirus che la fase elettorale nel nostro Comune, ponendo tutte le forze politiche nella medesima condizione».

Share this post