Fenice di Borgo Hermada protagonista al torneo internazionale Insubria Cup


La Fenice di Borgo Hermada protagonista al torneo Internazionale Insubria Cup. Sabato 25 e domenica 26 gennaio si è svolta al PalaYamamay di Busto Arsizio (VA) la VI edizione del torneo Internazionale di combattimento di Taekwondo Insubria Cup. La competizione riservata alle classi cadetti, junior e senior, è stata organizzata dalla Federazione Italiana Taekwondo (FITA) con il supporto del Comitato Regionale Lombardia. Nelle due giornate d’incontri, sui 10 tatami, si sono affrontati 1239 atleti tesserati per 195 società provenienti da 9 nazioni Europee: Italia, Svizzera, Slovenia, Grecia, San Marino, Croazia, Francia, Austria e Lussemburgo. Il team della Fenice del Direttore Tecnico Simone Longarini, coadiuvato dal coach Leonardo Longarini, era rappresentato da 11 atleti: 5 nei cadetti B, 5 nei cadetti A e 1 negli junior femminili.

“L’Insubria Cup è l’appuntamento annuale irrinunciabile per gli atleti della Fenice – ha detto il D. T. Simone Longarini. È un torneo di alto livello che mette a dura prova i ragazzi offrendo l’opportunità di misurare la crescita sotto il profilo tecnico, tattico e d’adeguatezza alla pressione competitiva. E dal 2021 l’Insubria Cup sarà ancora più dura essendo stata elevata al rango di torneo G1 valido per l’assegnazione dei punti del ranking mondiale. È facile supporre che in tale veste attirerà su quel palcoscenico i migliori interpreti europei e mondiali della disciplina”.

Al termine delle due giornate d’incontri, il bilancio finale vede la conquista di 6 medaglie di cui 3 d’oro, 1 d’argento e 2 di bronzo. Nei cadetti B hanno vinto l’oro Diego Senesi nella categoria – 30 kg cinture nere e Aurora Parisella nella – 30 kg cinture verde/blu. Bronzo per Samuele Mandatori nella – 30 kg cinture Verdi/blu e Andrea Zappone nella – 37 cinture nere. Nei cadetti A, argento per Alessia Andrea Di Fabio. Negli junior, oro per la portacolori della Fenice Flavia Macchione nella – 44 cinture nere. Hanno ceduto il passo ai quarti di finale Raoul Sperlonga, Sara Chianca, Matteo Petrucci, Giulia Senesi e Edison Andres Cormons le cui performance hanno risentito pesantemente dei postumi del virus influenzale. “Quest’anno la piccola spedizione della Fenice era composta per lo più da atleti debuttanti nelle più impegnative categorie delle cinture rosse e nere – ha sottolineato il D. T. Simone Longarini. Tuttavia i risultati sono stati più che soddisfacenti. Difatti non è mancata la personalità né la qualità del Taekwondo nel confronto con gli standard elevati dei competitor. E sono i numeri a corroborare l’assunto. Invero, grazie alla conquista dei 6 podi, la posizione della Fenice in classifica generale è migliorata di 3 posizioni rispetto alla passata edizione: dalla 14^  all’11 posizione su 195 team in gara. Con tutta onestà, devo dire che c’è solo il rammarico per quei ragazzi fuori dal podio che non hanno potuto esprimere al meglio le loro qualità a causa dei postumi del virus influenzale che li ha debilitati”.

Longarini ha concluso con un sentito ringraziamento alla Dirigente Scolastica Maria Laura Cecere, al Vicario Erasmo Spinosa e a tutto il personale docente e non docente dell’Istituto Comprensivo di Borgo Hermada nella cui palestra si svolge l’attività sportiva.

Share this post