Ferrovia: lettera aperta dell’ex vice sindaco Gianfranco Sciscione


manifestazione per ferrovia. Anxur Time

L’ex vice sindaco di Terracina Gianfranco Sciscione ha scritto una lettera aperta al senatore Claudio Moscardelli ed al consigliere regionale Enrico Forte in merito alla situazione della tratta ferroviaria Terracina-Fossanova, ormai inutilizzata da quasi tre anni dopo la caduta di un masso dal Monte Cucca. Sciscione ricorda come, secondo alcuni preventivi, per la messa in sicurezza ci vogliono circa 9 milioni di Euro, comunque alla portata del bilancio regionale.

Il vice Sindaco di Terracina Gianfranco Sciscione. Anxur Time

L’ex vice Sindaco di Terracina Gianfranco Sciscione

Il firmatario della lettera sottolinea la fondamentale importanza del collegamento diretto Roma-Terracina con lavoratori e studenti che ogni giorno devono recarsi nella Capitale, senza dimenticare che il treno potrebbe favorire l’afflusso di turisti da Roma senza la necessità di prendere l’automobile.

“Come cittadino figlio di questa città-continua Sciscione-, mi rivolgo a voi perchè io so che volendo, potete indurre il Presidente Zingaretti a mettere in bilancio i soldi per la stazione ferroviaria di Terracina. Da quello che ricordo la Regione Lazio versa nelle casse delle FF SS. circa 800 milioni di euro l’anno vuoto per pieno. L’ex vice sindaco sollecita il Senatore Moscardelli sul fatto che questo sarebbe un gran bel gesto, anche per l’economia turistica di Terracina, da molti definita la città più bella della provincia di Latina.

Monte Cucca. Ancxur Time

il masso caduto da Monte Cucca

Gianfranco Sciscione conclude sottolineando che quello che ha scritto non ha nessun scopo politico tantomeno polemico, e’ solo l’amore per la propria città. Disse il grande Vittorio Alfieri “volli sempre volli fortissimamente volli. Se volete sarà possibile. Attendo fiducioso. Firmato. “ Un cittadino normale che ha avuto la possibilità di conoscervi personalmente”.

Share this post