Festival dello Sviluppo sostenibile, Agenda 21 si fa avanti


Dal 21 maggio al 6 giugno si svolgerà la terza edizione nazionale del Festival dello Sviluppo Sostenibile: un evento importante per promuovere la cultura e i temi della soste- nibilità ambientale, economica e sociale, con centinaia di iniziative su tutto il territorio nazio- nale per fare il punto sulla posizione dell’Italia rispetto ai 17 obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’Agenda ONU 2030, sottoscritta da 193 Paesi nel 2015. 

La manifestazione è organizzata dall’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASVIS), a cui aderisce il forum di Agenda 21 locale di Terracina. 

L’ASVIS riunisce oltre 200 organizzazioni aderenti formando la più grande rete della società civile mai creata in Italia e realizza il Festival, con il supporto dei collaboratori e dei partner, nell’arco di 17 giorni, corrispondenti agli obiettivi di sviluppo sostenibile previsti dall’Agenda 2030, chiamando tutti a partecipare attivamente, in un momento cruciale per il futuro dell’Unione europea. 

Il festival, pertanto, continua il suo impegno per coniugare e sensibilizzare componenti sempre più ampie della popolazione sui temi della sostenibilità ambientale, sociale, economica e istituzionale con lo scopo di promuovere un cambiamento culturale dei comportamenti individuali e collettivi, capaci di stimolare l’azione dei decisori politici verso gli impegni presi in sede ONU e favorire quindi un futuro di benessere a questa e alle nuove generazioni. 

Il festival 2019 affronta le grandi sfide per l’Italia di oggi e di domani che sono al centro del dibattito culturale e politico, coinvolgendo i cittadini e, in particolare, i giovani: 

1. Protezione dell’ambiente e sviluppo sostenibile
2. Lotta al cambiamento climatico e transizione emergenza
3. Innovazione tecnologica e futuro del lavoro
4. Lotta alla povertà e alle disuguaglianze
5. Salute e sicurezza alimentare
6. Educazione e formazione continua
7. Cooperazione internazionale
8. Infrastrutture e mobilità sostenibile
9. Dialogo interreligioso e futuro dell’Europa
Lo slogan del festival 2019 è: “Mettiamo mano al nostro futuro“. 

Per chiamare tutti all’azione individuale e collettiva, dal mondo economico e imprenditoriale a quello della politica e delle istituzioni, dalle scuole alle università, dai cittadini agli operatori della cultura e dell’informazione. Tutti siamo invitati a mobilitarci per contribuire a cambiare passo verso uno sviluppo sostenibile che non lasci nessuno indietro, come ricorda l’agenda 2030. 

Share this post