Festival dello Sviluppo sostenibile, Agenda 21 in prima linea


panorama Terracina

Dal 22 maggio al 7 giugno 2018 si svolgerà la seconda edizione nazionale del Festival dello Sviluppo Sostenibile: un evento importante per promuovere la cultura dello sviluppo sostenibile, per favorire il largo confronto istituzionale e sociale e per sostenere l’elaborazione e la condivisione di nuove idee e soluzioni. L’iniziativa è organizzata dall’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS), a cui aderisce il Forum di Agenda 21 Locale di Terracina.  L’ ASviS riunisce 180 organismi del mondo economico e sociale e realizza il Festival , con ilsupporto dei collaboratori e dei partner, nell’arco di 17 giorni, corrispondenti agli Obiettivi di sviluppo sostenibile previsti dall’Agenda 2030 dell’ONU, in forma di unica manifestazione, inclusiva, partecipata, diffusa e composta da numerosi eventi organizzati su tutto il territorio nazionale.

Va ricordato, in proposito, che nel settembre 2015, 193 Paesi, inclusa l’Italia, hanno sottoscritto l’Agenda 2030, impegnandosi così a realizzare, entro il 2030, i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile sanciti dall’ONU. Da quel momento, organismi internazionali, governi nazionali ed enti territoriali, associazioni ed imprese si stanno mobilitando in tutto il mondo per definire e realizzare politiche e strategie volte a conseguire i 17 obiettivi e i 169 target ad essi collegati. Il Festival, pertanto, nasce con la finalità di coinvolgere e sensibilizzare componenti sempre più ampie della popolazione sui temi della sostenibilità ambientale, sociale ed economica, andando oltre gli addetti ai lavori, con lo scopo di promuovere un cambiamento culturale di comportamenti individuali e collettivi capaci di stimolare l’azione dei decisori politici verso gli impegni presi in sede ONU.

L’obiettivo del Festival è dunque quello di diffondere la cultura della sostenibilità, rendere lo sviluppo sostenibile un tema di attualità e richiamare l’attenzione dei decisori nazionali e locali sulle problematiche e le opportunità connesse al raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda ONU 2030, contribuendo in questo modo a portare l’Italia, le sue regioni e i suoi co- muni su un percorso attivo e concreto di sostenibilità.

Share this post