Flipped classroom, le nuove frontiere della didattica al Filosi


E’ terminato il 16 maggio 2019, presso l’IPS “Alessandro Filosi” di Terracina, il corso di formazione per docenti “Strategie educative innovative: Flipped classroom e peer-to-peer”, tenuto dal Prof. Luca Piergiovanni, con la collaborazione dei Proff. Vittoria Nicolò, Alfonsina Coronella, Renzo Izzi.

Il corso sulla flipped classroom si è collocato tra le iniziative di formazione dell’Ambito LT-23 (diretto dal D.S. Prof. Maurizio Trani, curate dalla Prof.ssa A.M. Falovo), con il grande contributo (quale formatore) del Prof. Luca Piergiovanni, insegnante di Lettere ed esperto in Tecnologie dell’apprendimento, docente che collabora con centri di ricerca per la formazione degli insegnanti all’uso tecnico-didattico di strumenti e ambienti del web, dei social network e dei dispositivi mobili, in Italia ed in Svizzera. 

Il Direttore del corso di formazione,  Prof.ssa Anna Maria Masci, ha espresso soddisfazione per l’iniziativa: «E’ molto significativa», ha commentato, «la sinergia tra l’IPS “Filosi”, l’Ambito di formazione LT-23 ed i docenti coinvolti in questa specifica azione, che ha offerto un apporto importante alla formazione continua dei docenti, in particolare nell’ambito delle nuove tecnologie».

La Prof.ssa Vittoria Nicolò (tutor del corso e referente, insieme al Prof. Renzo Izzi, per il Piano Nazionale Scuola Digitale dell’IPS “Filosi”) ha puntualizzato come la strategia della Classe Capovolta sia un modo per organizzare tempi e spazi dedicati alla didattica, ispirandosi all’apprendimento collaborativo che valorizza la collaborazione in un gruppo di allievi che lavorano insieme (ognuno con un ruolo specifico ma interdipendente) alla realizzazione di un progetto condiviso.

Il corso (che ha previsto incontri in presenza e tutoring on line) ha visto la presenza di circa 60 docenti di scuole di Primo e Secondo grado dell’Ambito di formazione LT-23, i quali hanno lavorato anche all’interno dei laboratori di nuova generazione dell’IPS “Filosi”, supportati dalla rete d’Istituto, operando in piccoli gruppi, sperimentando nuove strategie, elaborando percorsi di Flipped Classroom.

Share this post