“Focaracci” di San Giuseppe pericolosi, il Wwf scrive alla polizia locale


Le tradizioni vanno rispettate, ci mancherebbe. Ma se queste devono rappresentare un problema in termini di decoro e ambiente, allora bisogna intervenire. Lo chiede il Wwf, che denuncia la situazione che si è venuta a creare in diverse zone della città alla vigilia di San Giuseppe. Secondo l’usanza, il 19 marzo vengono accesi dei “focaracci” che danno il benvenuto alla primavera.

Un’allegra competizione per costruire una catasta di legna più alta delle altre e avere un fuoco più duraturo e vivace. Ma negli ultimi tempi a questa tradizione fatta di divertimento e cultura popolare è andato sostituendosi un pericoloso modo di fare. È possibile notare cataste di rifiuti di ogni tipo, non soltanto vecchi pezzi di legno. Ma anche materiali plastici o ricoperto da vernici. Che, una volta bruciati, possono essere molto pericolosi per la salute.

Il Wwf denuncia di aver ricevuto segnalazioni da parte di residenti allarmati. In particolare per una catasta in fase di allestimento in via Jurmala, nei pressi dei giardinetti di via Bachelet. Per evitare problemi, l’associazione ambientalista ha scritto al Comando della polizia locale affinché faccia un immediato controllo. Sperando – conclude la presidente Franca Maragoni – che questa volta le segnalazioni non cadano nel vuoto come accaduto in passato.

Share this post