Fondo di garanzia per le Pmi, Di Pinto (Lega): via la Lettera r per il bene delle imprese


Accesso al credito per le piccole e medie imprese, ci siamo. Il professionista Silviano Di Pinto, responsabile economico e attività produttive della Lega Lazio, analizza la situazione. «Prevista l’eliminazione della c.d. lettera r) prevista dal d.lgs n. 112/98 (art.18, comma I, lettera r). Una proposta legislativa, se approvata la prossima settimana in consiglio dei ministri, che dopo oltre venti anni pone fine a una limitazione che danneggia da un punto di vista economico/finanziario le micro, piccole e medie imprese. Una norma anacronistica che oggi, nell’era del rating, di Ifrs9, e dell’importanza assoluta degli strumenti di mitigazione a ponderazione zero sul capitale della banca, deve essere assolutamente eliminata per il bene del sistema imprenditoriale italiano. Il fondo di garanzia per le PMI è il principale strumento di politica economica per le imprese e non può continuare ad avere limitazioni che di fatto sono volute solo ed esclusivamente da alcune associazioni di categoria che dicono di rappresentare le imprese ma di fatto rappresentano le loro società di servizio e di prodotto. Diciamo la verità ai nostri imprenditori. Di seguito riporto una tabella che si commenta da sola e che mette in luce gli ingenti danni che questa norma ha “provocato” negli anni al sistema imprenditoriale. Una tabella che mi auguro ogni imprenditore si soffermi a leggerla così comprende quanto possono creare danno norme volute da gente che millanta il bene delle PMI».

Share this post