Frosinone-Mare, incontro in prefettura. Si studiano soluzioni alternative


La Frosinone-Mare non riapre. Almeno per adesso. Ma si sta lavorando affinché una soluzione per la stagione estiva si possa trovare. Si cerca il compromesso: giovedì in prefettura si è svolta una riunione col prefetto Maria Rosa Trio. All’incontro hanno preso parte anche il responsabile dell’area compartimentale dell’Anas Lazio, il capo di gabinetto della prefettura di Frosinone, rappresentanti della provincia di Latina e Frosinone e i sindaci dei Comuni di Terracina e Sonnino. Comuni, questi ultimi, principalmente colpiti dalla chiusura del primo tratto di strada dall’imbocco dell’Appia fino al bivio del Frasso. La chiusura, come si ricorderà, è stata determinata da lavori di consolidamento sul viadotto Anxur a partire dallo scorso dicembre.

La riunione, le proposte e i dubbi dell’Anas

Nel corso della riunione che si è tenuta in prefettura, il responsabile dell’Anas ha rappresentato che per nuovi motivi tecnici di fatto viene impedita la riapertura della strada, prevista per la giornata di oggi, venerdì 25 maggio. I sindaci e i rappresentanti della Provincia di Latina hanno manifestato l’esigenza di individuare soluzioni che consentano, comunque, la riapertura dell’arteria stradale in vista dell’aumento del traffico veicolare durante la stagione estiva. La preoccupazione, infatti, è data dalla massiccia movimentazione di auto che dai Comuni ciociari si riversano sul litorale. Passando inevitabilmente per la statale 699, non a caso ribattezzata Frosinone-Mare. Ora toccherà a un ingegnere dell’Anas verificare la fattibilità di possibili soluzioni di cui riferirà in un prossimo incontro che sarà convocato a breve.

Share this post