Frosinone-Mare, ipotesi riapertura a luglio ma solo per le automobili


Fumata grigia sulla Frosinone-Mare dopo l’ultimo incontro in prefettura a Latina. Si fa avanti la possibilità di riaprire la strada solo alle automobili ma dopo il 30 giugno. Quindi un altro mese di “passione”, ma almeno un passo avanti è stato fatto. Anas sta valutando soluzioni alternative all’apertura del tratto iniziale della strada statale 699, dall’imbocco dell’Appia al Frasso, chiuso dallo scorso dicembre per lavori di consolidamento del viadotto Anxur.

Nell’ultimo vertice che si è svolto a Latina lo scorso giovedì, a cui hanno preso parte il responsabile dell’area compartimentale dell’Anas Lazio, il comandante della Guardia di Finanza, i rappresentanti della questura e dell’Arma dei carabinieri, di Astral, Provincia, nonché i sindaci e i comandanti della polizia locale dei Comuni di Terracina e Sonnino, è emerso che non ci sono ancora le condizioni per una riapertura integrale della strada. Durante il faccia a faccia, il responsabile dell’Anas ha riferito che, all’esito delle verifiche svolte negli ultimi giorni, è emersa la fattibilità tecnica di interventi a carattere provvisorio che potrebbero consentire l’apertura nel periodo estivo della strada Frosinone-Mare, limitatamente ai veicoli leggeri, ma a luglio.

In tale caso, verrà anticipata da parte del prefetto l’adozione dell’ordinanza di limitazione del traffico veicolare emanata ogni anno in coincidenza con l’inizio della stagione estiva. Parallelamente saranno disposti, col supporto della polizia stradale, attenti servizi di controllo da parte delle polizie locali di Terracina e Sonnino, finalizzati al rispetto dell’ordinanza. Ma non è detta l’ultima parola perché – come specificato in una nota della prefettura – nel caso in cui non ci saranno le condizioni di sicurezza per la riapertura del tratto stradale, si procederà a individuare itinerari alternativi.

Share this post