Giocattoli e plastica, appello ai bagnanti: non abbandonateli in spiaggia


Wwf Litorale pontino e Zero Waste Italy lanciano la campagna “Non lasciarmi qui”. L’iniziativa intende sensibilizzare i turisti e i bagnanti in generale sull’abbandono di giocattoli, gonfiabili e altro materiale di plastica in spiaggia. 

«Siamo alla fine della stagione estiva, i turisti lasceranno la nostra città e i lidi in cui hanno passato le piacevolissime giornate di mare. Molte – si legge in una nota a firma dei referenti Franca Maragoni e Raffaele Mauro – le famiglie con bambini che hanno portato con loro secchielli, palette, tavolette da surf, formine, piscinette e gonfiabili di qualsiasi forma e dimensione.  Alcuni lasciando il lido lasciano anche tutto questo armamentario da spiaggia abbandonandolo al proprio destino.  Se non correttamente smaltiti questi giochi, rigorosamente tutti di plastica rigida o morbida, rischiano di finire in mare con tutte le conseguenze che conosciamo.  Alla fine della stagione estiva è alta la possibilità di forti mareggiate che farebbero “pulizia” della spiaggia portando via tutto quello che trovano. Durante questi eventi gli operatori balneari sono giustamente preoccupati di rimuovere le attrezzature evitando danni e non hanno tempo di pensare agli oggetti di plastica lasciati incustoditi.  Il nostro è un comune Bandiera Blu e l’amministrazione si è impegnata per rendere sempre più sostenibile la gestione delle spiagge e della costa con azioni concrete e passi formali che assicurino il successo di questo percorso.  Il nostro obiettivo, e ormai l’obiettivo di tutto il Pianeta, è quello di evitare che tutti i giorni finiscano in mare tonnellate di plastica che sta uccidendo la vita nel mare e mettendo in serio pericolo la vita sulla terraferma per milioni di esseri viventi compreso l’uomo».

Intanto arriva anche una proposta per il futuro.  L’azione preventiva è la strategia migliore e quindi, in attesa del prossimo anno quando le azioni concrete da mettere in atto saranno più stringenti ed efficaci, al momento attuale chiediamo all’amministrazione di emettere apposita ordinanza che indichi agli operatori balneari di eliminare al più presto dalla spiaggia tutti gli oggetti di plastica abbandonati dai turisti e metterli a disposizione, opportunamente raccolti, alla Ditta incaricata della gestione dei rifiuti.  Si propone inoltre di chiedere formalmente alla Ditta incaricata della raccolta dei rifiuti di eseguire almeno 3 passaggi straordinari presso gli stabilimenti per ritirare questi oggetti allo scopo di avviarli al corretto smaltimento.

«Agli operatori balneari, pur sapendo che molti su questo tema sono particolarmente attenti, chiediamo di attivarsi fin da subito in modo da provvedere agevolmente e senza particolari sacrifici a questa operazione.  I volontari del WWF Litorale Laziale e quelli del Comitato Rifiuti Zero Terracina sono a disposizione sia dell’amministrazione che della categoria dei balneari per supportarli, anche parlando con i clienti, in questo delicato momento della stagione». 

Share this post