Giovani ambasciatori contro la povertà, Cipriani protagonista ad Amsterdam


Per Sara Cipriani, 26 anni di Terracina, è un sogno che si realizza. E per la sua città un piccolo grande orgoglio. Sara è una giovane attivista del gruppo anti-povertà The ONE Campaign che ha fatto sentire la sua voce alla ventiduesima conferenza internazionale sull’AIDS, apertasi ad Amsterdam il 23 luglio. Alla prestigiosa conferenza nella capitale olandese, Cipriani ha portato un chiaro messaggio: la battaglia contro l’HIV/AIDS non è da ritenersi vinta e, nonostante i progressi significativi registrati in questo ambito, il mondo non può chiudere un occhio davanti alla gravità di una malattia mortale come l’AIDS.

La giovane terracinese Sara Cipriani

La conferenza ha visto la partecipazione di alcuni dei più celebri esperti mondiali sulla lotta all’AIDS, politici di tutto il mondo e persino monarchici, come il Principe Harry della famiglia reale britannica che ha tenuto un discorso davanti ad un vasto pubblico. In merito alla conferenza, Cipriani ha dichiarato: “Sono molto contenta di aver avuto l’opportunità di partecipare ad una conferenza così prestigiosa su un tema importante come la lotta all’AIDS, oltre a migliorare la mia capacità di fare campagna. Ho imparato che, nonostante siano stati fatti progressi importanti nella lotta contro l’HIV/AIDS, c’è ancora molto da fare, soprattutto nei paesi più poveri del mondo. Non possiamo tirarci indietro proprio adesso: se non la eliminiamo adesso, questa terribile malattia potrebbe diventare ancora più difficile da eliminare in futuro.”

Durante la conferenza, Cipriani ha preso parte a diverse attività e ha organizzato un seminario, insieme ad altri attivisti di ONE, con l’obiettivo di insegnare ai partecipanti, soprattutto giovani, come condurre una campagna di sensibilizzazione e come fare pressione sui rappresentanti politici affinché aumentino gli investimenti nella saluta globale e nella lotta all’AIDS. Cipriani è stata selezionata in qualità di Giovane Ambasciatrice di ONE data la sua competenza in materia. I suoi studi presso l’Università Sapienza di Roma le hanno infatti permesso di approfondire il tema dell’AIDS dal punto di vista clinico e patologico. Ha inoltre frequentato un corso sull’accesso ai farmaci antiretrovirali nei paesi in via di sviluppo. 

ONE è un’organizzazione sostenuta da oltre 9 milioni di membri, tra i quali 70.000 in Italia, che opera con campagne e attività di sensibilizzazione per combattere la povertà estrema e le malattie prevenibili, soprattutto in Africa. Apolitica, ONE mira a sensibilizzare l’opinione pubblica e a lavorare di concerto con i leader politici per combattere l’AIDS e le malattie prevenibili, aumentare gli investimenti per l’istruzione, l’agricoltura e l’alimentazione e chiedere ai governi maggiore trasparenza nei programmi di lotta alla povertà. Gli ambasciatori ONE sono un gruppo di giovani volontari estremamente motivati, selezionati tramite bando pubblico, che conducono attività di sensibilizzazione in tutta Europa per porre fine alla povertà estrema. Sollecitano un impegno concreto dei responsabili politici, lavorano con i mezzi di comunicazione per aumentare la visibilità delle campagne ONE e incoraggiano il pubblico a sostenere le petizioni e le altre azioni ONE con attività online ed eventi locali.

La Conferenza internazionale sull’AIDS è la più grande conferenza su qualsiasi problema di salute globale nel mondo. Tenutasi per la prima volta durante il picco dell’epidemia di AIDS nel 1985, continua a fornire un forum unico per l’intersezione tra scienza, advocacy e diritti umani.

Share this post